4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

I was sitting on my patio al Teatro Goldoni di Venezia

HomeTeatroI was sitting on my patio al Teatro Goldoni di Venezia
la notizia dopo la pubblicità

I was sitting on my patio, Teatro Goldoni di Venezia: lo spettacolo di R. Wilson e L. Childs rinasce con Christopher Nell e Julie Shanahan.

Andato in scena per la prima volta nel 1977 con Robert Wilson e Lucinda Childs nel ruolo dei protagonisti, I was sitting on my patio oggi rinasce con due nuovi prestigiosi interpreti come Christopher Nell, uno degli attori più conosciuti del Berliner Ensemble, e Julie Shanahan, straordinaria interprete del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch. Lo spettacolo, fortemente voluto dal direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto Giorgio Ferrara per la nuova stagione, arriva a Venezia dall’11 al 14 novembre per la sua prima nazionale sul palco del Teatro Goldoni nella versione in lingua originale con sovratitoli.

I was sitting on my patio è un monologo privo di ogni apparente dramma o tragedia, costituito da un flusso casuale di associazioni di idee che si riversa sui confini di un nudo set in bianco e nero, accompagnato da movimenti spigolosi che diventano sempre più febbrili. Ciò che colpisce dell’opera è il suo minimalismo clinico e l’austerità che si crea attraverso il prisma delle sue contraddizioni. In questo zapping verbale in realtà non succede nulla, tutto accade e poi accade di nuovo nel corpo di una persona diversa. E, un po’ come in una giostra, continuerà a succedere.

Note

Robert Wilson ha ideato lo spettacolo come monologo, o piuttosto come un duplicato di due monologhi. Lui recitava la prima parte e Lucinda Childs la seconda, partendo da uno stesso copione.
All’epoca ciascuno concepì la propria coreografia, il diverso punto di vista, i significati convergenti, andando a produrre una vera e propria esperienza drammaturgica nel vedere lo stesso testo recitato per due volte una dietro l’altra.
Più di quarant’anni più tardi, Wilson propone una nuova versione dello spettacolo e con due nuovi attori, Christopher Nell e Julie Shanahan, per i quali ripensa l’approccio in modo che non si fissino mai nei ruoli interpretati dai loro predecessori, poiché la vera essenza dello spettacolo è proprio quella di non avere ruoli definiti. Ci fu un primo passaggio di testimone quando Robert Wilson e Lucinda Childs mostrarono la loro coreografia come spunto da cui partire per una ricerca personale da parte dei nuovi interpreti. Con Christopher Nell, Wilson ha condiviso la sua esperienza e i suoi ricordi, come se la performance fosse andata in scena il giorno prima. Il lavoro di Lucinda Childs con Julie Shanahan invece è stato condotto in un primo tempo via Zoom, il passaggio di consegne è avvenuto con minuzia, partendo dalle note tenute all’epoca e allestendo la scenografia nella propria abitazione, in modo da poter ripercorrere la corografia in ogni gesto, posizioni e ispirazione.

Con Wilson e gli attori ci siamo proposti di andare oltre la riproposizione delle coreografie per cercare una relazione intima con il testo in cui le loro storie si intersecano e dove molteplici personalità emergono per trovare la liberà d’espressione che sia propria del presente.

Utilizzando elementi della performance originale quali il materiale audio e video, le scene e i principi che hanno ispirato il lighting design dell’epoca, Wilson, Childs e gli attori hanno creato uno spettacolo che può essere visto come una nuova creazione per trovare significati altri, sia concreti che astratti, partendo dal contributo dei nuovi attori.

A day dream, Charles Chemin

Teatro Goldoni | Venezia

Giov 11 novembre ore 20.30

Ven 12 novembre ore 19.00

Sab 13 novembre ore 19.00

Dom 14 novembre ore 16.00

I was sitting on my patio this guy appeared I thought I was hallucinating

una produzione Théâtre de la Ville – Paris

testo, ideazione e regia Robert Wilson

co-regia Lucinda Childs

con

Christopher Nell

Julie Shanahan

collaboratore alla regia Charles Chemin

costumi Carlos Soto

collaboratrice alla scenografia Annick Lavallée-Benny

collaboratore al disegno luci Marcello Lumaca

sound designer Nick Sagar

make up design Manuela Halligan, Véronique Pfluger

– – –

assistente costumista Emeric Le Bourhis

assistente scenografia Chloé Bellemère

assistente collaboratore alla regia Agathe Vidal

musiche Johann Sebastian Bach, Franz Schubert, Jean-Baptiste Lully, Michael Galasso

produzione film (1977) Gretta Wing Miller

costumi realizzati da FBG2211

scene realizzate da Atelier Espace et compagnie, Vénissieux

parrucca Noï Karunayadhaj

I was sitting on my patio this guy appeared I thought I was hallucinating è stato creato presso la Eastern Michigan University il 5 Aprile 1977, interpretato da Robert Wilson e Lucinda Childs, con musiche di Alan Lloyd

produzione Théâtre de la Ville – Paris

con il supporto di Dance Reflections by Van Cleef & Arpels

in associazione con EdM Productions, TSV – Teatro Stabile del Veneto

durata 1h 20’ senza intervallo

foto Lucie Jansch

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...