martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

I RAGAZZI SI DIVERTONO E IMPARANO LA VITA SANA

HomeUncategorizedI RAGAZZI SI DIVERTONO E IMPARANO LA VITA SANA

NOTIZIE VENEZIA | È partita la seconda edizione di “Coca-Cola Cup – Mettiti in gioco”, progetto ludico-educativo organizzato da Coca-Cola in Italia e rivolto alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto.
Nato per promuovere e diffondere tra le giovani generazioni uno stile di vita sano e attivo e il rispetto dell’ambiente, Coca-Coca Cup “mette in gioco” gli studenti in un percorso didattico pluridisciplinare perché possano esprimere con impegno e divertimento valori e passioni sportive, spirito di squadra, fair play e attenzione al territorio, diventando così protagonisti e testimonipositivi fuori e dentro il campo da gioco.

Guidati dal kit didattico Action Book, realizzato con il supporto del Professor Francesco Maria Manozzi per i testi sul movimento, di Nutrition Foundation of Italy per i testi sull’alimentazione e di Kyoto Club per quelli sul rispetto dell’ambiente, i ragazzi metteranno alla prova le loro competenze fisiche, sociali ed espressive, misurandosi in prove creative, individuali e di classe, sull’importanza del riciclo e sui valori del calcio, e in un torneo educativo amatoriale regionale di calcetto. Le scuole selezioneranno, con partite interne, le squadre maschili e femminili che rappresenteranno il loro Istituto alla prova regionale, che sarà  disputata a gironi nella prima fase e ad eliminazione diretta dai quarti di finale fino alla finalissima, in programma sabato 25 maggio al CUS – Centro Universitario Sportivo – di Padova.

“Il contributo di NFI al progetto Coca-Cola Cup si basa sul principio che è l’educazione lo strumento principe per incoraggiare i giovani ad adottare uno stile di vita sano e attivo, seguendo un’alimentazione equilibrata e praticando regolare attività  fisica” – ha dichiarato Andrea Poli, Direttore Scientifico Nutrition Foundation of Italy -“È importante ricordare che, in uno stile di vita appropriato, nessun alimento è vietato. Buoni o cattivi non sono i cibi, ma gli stili di vita: ce ne sono di sani e di poco sani”.

“Sono orgoglioso ed onorato di aver fornito il mio supporto anche a questa seconda edizione di Coca-Cola Cup che ritengo un progetto di divulgazione fondamentale fra i più giovani per l'acquisizione di conoscenze e la migliore comprensione dei valori e dell'importanza del movimento e della pratica costante di esercizio fisico e sportivo” – ha affermato il Professor Francesco Maria Manozzi, docente Scienze Motorie presso l'Università  Tor Vergata di Roma e Fisioterapia presso l'Università  G.D'Annunzio di Chieti/Pescara, medico delle Federazioni del CONI e del CIP -“Insieme alla dose di attività  fisica, da adeguare alle differenti caratteristiche individuali ed alle diverse fasce d'età , vanno altresì ricordati, quali determinanti con fattori di prevenzione e salute, corretti stili di vita, una sana alimentazione ed una giusta idratazione. Si può scegliere di praticare uno sport di squadra, quale il calcio amatoriale o il calcio a cinque o individuali, quali marcia, nuoto, corsa o bicicletta, o semplicemente essere più tonici e dinamici in tutte le azioni della giornata. In ogni caso, ne ricadrà  un beneficio che contribuirà  al mantenimento dello stato di benessere e salute ed all'incremento della speranza di vita, ma ancor più ad una qualità  di vita migliore in termini di interessi, emozioni, affetti e vita di relazione”.

L’iniziativa ha visto ad oggi l’adesione di 190 istituti secondari veneti per un totale di 27.175 studenti, 5.550 veneziani, con la distribuzione di 1.087 kit didattici. 61 scuole per il torneo maschile e 19 scuole per il torneo femminile che hanno manifestato l’intenzione di realizzare un torneo interno con 563 squadre, 80 le scuole che partecipano al torneo regionale con 80 squadre, di cui 56 maschili e 24 femminili.

I partecipanti a Coca-Cola Cup, aiutati da amici e famigliari, saranno inoltre simpaticamente coinvolti in un momento di raccolta delle bottiglie in PET per diventare “campioni” anche nel riciclo: un importante messaggio ed un esempio che testimonia il loro impegno concreto verso la raccolta differenziata.

“I rifiuti in discarica contribuiscono all’effetto serra per le emissioni di biogas che è costituito da CO2 e metano. Il riciclaggio abbatte notevolmente le loro emissioni: bastano 800 grammi di carta separata in casa e avviata alla raccolta differenziata per risparmiare 1 kg di CO2 in atmosfera” – ha dichiarato Roberto Calabresi, Responsabile progetto “Scuole per Kyoto” dell'Associazione Kyoto Club.

Coca-Cola Cup prevede riconoscimenti per tutti, studenti, calciatori e non, Istituti e comunità : la squadra prima classificata nel torneo regionale e gli autori delle tre migliori prove creative individuali parteciperanno ad un’esclusiva esperienza con Juventus. La scuola prima classificata della prova creativa di classe farà  vincere, invece, alla sua comunità  un campo di calcio prodotto in parte con PET riciclato.
Il progetto consiste nella riqualificazione da parte di Coca-Cola di un campo di calcetto di 800 mq che sarà  realizzato per il 55% con PET vergine e per il 45% con PET riciclato (RPET), pari a 57.971 bottiglie di Coca-Cola da 500ml: il segno più tangibile e divertente delle tante ed imprevedibili risorse del riciclo. L’erba sintetica riciclata da PET è ottenuta grazie alle tecnologie di estrusione fornite da FieldTurf Tarkett, leader mondiale nella produzione di erba sintetica.

“Il calcio è uno sport molto popolare, ma per noi rappresenta anche un mondo con regole precise di comportamento che inducono ad uno stile di vita corretto e responsabile verso se stessi, gli altri e l’ambiente in cui viviamo” – ha dichiarato Giangiacomo Pierini Comitato Organizzatore Coca-Cola Cup – “Ed è per promuovere questi valori che vogliamo lasciare la nostra “impronta” perché uno spazio di gioco possa diventare luogo di incontro e di crescita per tutti. Da quest’anno, visto il successo ottenuto nell’edizione 2012 in Campania, abbiamo voluto estendere il progetto anche alle scuole del Lazio e Veneto, dove siamo presenti con il plant di Nogara, raggiungendo un totale di 813 scuole con 115.650 studenti coinvolti”.

Da sempre Coca-Cola in Italia investe risorse nella promozione della pratica sportiva e in generale di uno stile di vita sano e sostenibile. Con queste finalità , parallelamente a Coca-Cola Cup, Fondazione Coca-Cola HBC Italia ha dato il via all’iniziativa Fabbriche Aperte aprendo alle scuole i suoi stabilimenti in un percorso educativo-esperienziale per far scoprire ai ragazzi, attraverso la visita alle linee produttive dell’azienda, la quotidianità  del suo impegno, responsabile e fattivo, verso la collettività  in cui opera. Il progetto, avviato lo scorso marzo, ha ospitato ad oggi presso il plant di Nogara (VR) oltre 550 studenti, previsti 1.800 a chiusura dell’iniziativa a novembre 2013.

Per informazioni: www.coca-colacup.it


[[email protected]divenezia.it]

Riproduzione Vietata
[24/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...