0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

I merletti veneziani che facevano gola al Re Sole: grande antiquariato alla Fiera di Padova

HomeArte e CulturaI merletti veneziani che facevano gola al Re Sole: grande antiquariato alla Fiera di Padova
la notizia dopo la pubblicità

Ad Antiquaria Padova il seguito del racconto tra ‘700 e ‘900

Una tavola imbandita su una tovaglia di 5 metri per due e mezzo interamente ricamata con pizzi appartenuti a un’importante collezione veneziana e raffigurante un corteo di cavalieri medievali.
E’ una delle chicche presenti nel padiglione 1 della Fiera di Padova fino a domenica 21 novembre alla 37^ edizione di Antiquaria Padova, una delle più prestigiose mostre – mercato del settore attive in Italia e la principale nel Nordest, con un’ottantina di antiquari di grande vaglia arrivati da 12 regioni italiane, ma anche da Gran Bretagna, Repubblica di San Marino e Svezia per proporre pezzi di grande valore a collezionisti e amanti dell’antico certificato.

Ad Antiquaria Padova si entra in contatto con la storia della manifattura e dell’arte soprattutto europea – veneta in particolare, come nel caso dei pizzi di Venezia e Burano proposti da Antiqua Ricami d’epoca di Lugo (Ra). Centri tavola, tende, tovaglie dal ‘700 al ‘900, il cui prezzo è dato dalla raffinatezza del lavoro e non dalle giornate impiegate. “Ormai le merlettaie non esistono quasi più – spiega la titolare Antonella Venturi, nipote di una ricamatrice fiorentina che è stata la più grande collezionista di pizzi veneziani – Un tempo opere come queste richiedevano prima l’intervento di una disegnatrice che preparava la scena richiesta dal cliente, poi quello della ricamatrice che sceglieva i vari pizzi, infine delle merlettaie che decidevano se operare con ago o tombolo o filé o se mescolare il tutto. L’ultimo tocco era dato dalla copertura di ricami delle parti lisce. La raffinatezza del merletto veneziano è il patrimonio artistico più importante nel mondo in questo settore”.

I merletti portati In Fiera sono realizzati in filo di lino o in cotone ritorto, materiali interamente italiani. E a proposito di storia, Antonella Venturi ricorda che per la reggia di Versailles il Re Sole non si accaparrò soltanto alcuni vetrai muranesi, ma anche delle merlettaie veneziane, le quali però in Francia insegnarono un punto alla rovescia: così è sempre possibile distinguere un merletto della Serenissima da uno francese. Nella corte di Luigi XIV i merletti veneziani divennero così famosi che il re impose una legge per proibire di spendere troppo denaro per questi manufatti.

 

La cucina dell’800 con acqua calda corrente

Ad un ambiente domestico più riservato si riferiscono le proposte di Antichità Rita Tuci di Trana (To) che presenta una completa e funzionante cucina dell’Ottocento francese con forno a legna, dotata perfino di rubinetto per l’acqua calda (l’unica acqua bollente a flusso continuo nelle case di due secoli fa); con scaffale ricolmo di stampi in rame da pasticcere. Presente anche una collezione di soffietti e di fiaschette per polvere da sparo di fine ‘700- primi ‘800.

Tra gli espositori di Antiquaria Padova 2021 che propongono quadri e statue, mobili e gioielli, tappezzerie e orologi, porcellane, cornici, cristalli, arazzi, tappeti persiani, libri, stoviglie, sono presenti: Tornabuoni Arte Antica di Firenze con capolavori pittorici; Ducci Roberto Dipinti antichi di Firenze e Galleria Arte Cesaro di Padova con importanti dipinti; gli oggetti medievali di Fabbri Arte Alto Antiquariato da Mantova; i mobili del Settecento veneziano portati da Prior Alto Antiquariato di Asolo, da Matheus Arte antica di Vicenza, da Antichità Camellini di Modena, Studiolo Fine Art di Milano; Antichità G.N. di Luciano Guagenti di Milano, Galleria 900 di Reggio Emilia; Umbria Sud di Emo Antinori Petrini da Perugia; Ars Antiqua di Milano, solo per citarne alcuni. E c’è anche un Omaggio a Oreste Da Molin con dieci quadri del celebre pittore padovano. In mostra anche professionisti dell’antiquariato e del restauro che effettuano consulenze.

Ingressi, riduzioni, servizio tamponi

Presentando il biglietto di Antiquaria Padova (10 euro intero, 8 il ridotto), si accede ai Musei Civici di Padova con biglietto a 8 euro e portando con sé il biglietto dei Musei Civici padovani si ottiene la riduzione in Fiera. I bambini sotto i 12 anni entrano gratis. L’orario di mostra è, nei feriali, dalle 15 alle 20, mentre sabato e domenica dalle 10 alle 20. Il Servizio tamponi sarà attivo il 20 e 21 novembre dalle ore 9 alle 11 nei gazebo antistanti il padiglione 2 (via Tommaseo).

continua a leggere dopo la pubblicità

 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...