Here for a Chinese Appointment

205

Il padiglione cinese, come sempre, non ha disatteso le aspettative.
Here for a Chinese Appointment è il titolo scelto per una mostra che si dislocava dentro e fuori al proprio padiglione, curato da Tang Keyang, dove appuntamento ed incontro erano i concetti cardine delle istallazioni. Due architetti, un paesaggista e diversi artisti uniti insieme per una collettiva, che ha certamente colpito l’osservatore e stimolato alla riflessione sul moderno spazio pubblico cinese e sulle future possibilità  dello stesso.

Intenso e cupo l’interno ove fluttuavano nell’aria uccelli trasparenti e lucenti.

Luce colore, materia invece in esterno ove le metalliche geometrie curvilinee delle sculture definite “road guide”, giocavano sul terreno in orizzontale, aprendo un dialogo fra opera d’arte e contesto in cui è inserita.

A tutto ciò facevano da contrappeso le istallazioni verticali e trasparenti di Zhu Pei, che rivestivano il giardino dello spazio antistante.
Luce naturale e luci a LED: un approccio scenico per trasformare un giardino in uno spazio pieno di luce, anche nel buio della notte.

Testo, grafica e foto di Luisa Doriana Lombardo.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here