3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Hellas Verona vince il secondo scontro diretto per la salvezza

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliHellas Verona vince il secondo scontro diretto per la salvezza
la notizia dopo la pubblicità

verona mandorlini iturbe

Sei partite, tre vittorie, un pareggio e due sconfitte. L’Hellas Verona si candida a sorpresa del campionato. Eppure la partita con la concorrente per la salvezza Livorno, non è stata così semplice e la vittoria è arrivata con un dubbio calcio di rigore.

Gli scaligeri cominciano meglio, prendono possesso del campo ma non pungono. Le squadre infatti inizialmente sembrano studiarsi, al settimo minuto il primo tiro. E’ del Coda per il Livorno ma la palla finisce alta. Risponde immediatamente Toni ma il risultato è lo stesso.

Al quarto d’ora il Livorno costringe i Gialloblu ad arretrare ma a ravvivare il gioco ci pensa il giovane Iturbe con delle accelerazioni che fanno ammattire i difensori livornesi.

Al ventiduesimo un cross di Hallfredsson viene bloccato da Bardi in uscita ma è il LIvorso a rendersi veramente pericoloso con un tiro di Paulinho che viene respinto dal suo collega brasiliano Rafael in tuffo.

Alla mezzora sbaglia a centrocampo Romulo e Siligardi ne approfitta involandosi solitario in contropiede ma trova nuovamente la pronta risposta del numero uno scaligero.

Passano un paio di minuti e Moras è costretto a lasciare il campo per un infortunio muscolare e al suo posto entra il capitano dell’Under21 Bianchetti.

A cinque minuti dall’intervallo arriva il capolavoro di Iturbe, punizione che si infila all’incrocio dei pali. Imparabile per Bardi.

Il Verona si prepara per il riposo ma lo fa troppo presto, calcio d’angolo per il Livorno, il pallone finisce al centro dell’area dove spunta la testa di Rinaudo che sorprende tutti. Si scende negli spogliatoi sull’uno a uno.

Il secondo tempo comincia a rilento, il pallino del gioco è in mano all’Hellas Verona ma sostanzialmente nessun vero pericolo. Anche perché il Verona soffre un po’ dello stesso problema dello scorso anno, la reticenza al tiro in porta.

Comincia la girandola delle sostituzioni: Donati in sostituzione di Hallfredsson, Emerson per Duncan e Emeghara in sostituzione di Siligardi.

Al settantesimo, tiro di Gomez dal limite dell’area su assist di Toni (per la cronaca, lotta ancora come un ragazzino).

Quattro minuti più tardi arriva il vantaggio per l’Hellas Verona, soni viene trattenuto in area. Calcio di rigore, nonostante l’ex campione del Mondo si sia lasciato un po’ cadere a terra.

Tira ancora Jorginho che spiazza il portiere degli Azzurrini. Verona in vantaggio.

Veramente un ottimo Hellas Verona che ora ha il dominio del campo, solo dopo il rigore il Livorno si sveglia o almeno tenta di farlo. Ultima sostituzione per il Livorno, Belingheri al posto di Greco.

A dieci dal termine, altra punizione di Iturbe che viene deviata dalla barriera e finisce in calcio d’angolo.

Nulla di fatto sul corner ma subito dopo Iturbe lancia Toni che si invola verso la porta. Bardi lo stende in area ma l’arbitro fischia una trattenuta dell’attaccante.

Il giovane argentino lascia il campo e viene salutato dall’ovazione del Bentegodi che incita il suo nome. Cosa rarissima per il pubblico veronese, al suo posto Laner.

La partita finisce praticamente qui, dopo tre minuti di recupero.

L’Hellas Verona supera in classifica proprio il Livorno e raggiunge dieci punti in classifica, diventando di diritto la sorpresa di questo inizio di campionato.

Soprattutto Mandorlini scopre un giocatore di cui fino ad ora si è solamente sentito parlare, Iturbe. Ha solo vent’anni ma ne sentiremo parlare ancora in futuro.

Mattia Cagalli

[29/09/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...