8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Grandi Navi a Venezia, Orsoni : «Do tre giorni al governo, poi intervengo io»

HomeMestre e terrafermaGrandi Navi a Venezia, Orsoni : «Do tre giorni al governo, poi intervengo io»
la notizia dopo la pubblicità

stop grandi navi venezia

‘’La situazione non può continuare in questo modo’’, a dirlo è il sindaco di Venezia, stanco delle continue promesse da parte del Governo e dei ministri sul problema Grandi Navi, ‘’aspetto tre giorni poi se il governo non interviene, qualcosa dovrò fare’’ . Attendendo di sapere qualcosa in più entrò la fine della settimana, il Comune intanto, ha illustrato un piano per portare le crociere a Marghera.

Secondo il decreto legge 92 del 23 maggio 2008 riguardante le ‘’Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica’’, è stabilito che in caso di emergenze riguardanti ‘’l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana’’ il sindaco ha il potere di ‘’adottare provvedimenti, anche contingibili e urgenti al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli’’.

Giorgio Orsoni potrebbe così passare sopra ad Autorità Portuale e Capitaneria di Porto e, con una richiesta d’intervento, obbligare gli organi competenti a prendere una rapida decisione.

Il primo cittadino ha allora riproposto il progetto che concerne Porto Marghera, ‘’realizzabile in pochi mesi come attracco provvisorio’’. In un incontro del Pd tenutosi a Canneregio martedì, anche l’amministrazione ha appoggiato l’idea di portare le crociere a Porto Marghera.

Secondo il Comune, questa possibilità ridurrebbe del 32% il traffico in Bacino entro 6 mesi. Le navi entrerebbero dalla bocca di porto di Malamocco, percorrerebbero il Canale dei Petroli per poi arrivare a Porto Marghera, realizzando un bacino d’evoluzione per far entrare ed uscire le navi.

Durante la riunione di martedì, l’ex assessore all’Urbanistica, Roberto D’Agostino, ha inoltre sottolineato l’importanza di un vero e proprio terminal passeggeri a Marghera, con la realizzazione di banchine adatte ad ospitare le Grandi Navi.

Domani intanto, Orsoni potrebbe decidere di emanare un’ordinanza coercitiva, affinché venga vietato il transito dei colossi del mare, in base ai poteri conferiti al sindaco in materia di ‘’incolumità pubblica e sicurezza urbana’’.

Redazione

[10/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.