20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

L’algoritmo di Google non si svela, altrimenti sarebbe campo libero ai spammer

HomeNotizie NazionaliL'algoritmo di Google non si svela, altrimenti sarebbe campo libero ai spammer

Google apre al diritto all'oblio

In tanti ci provano, forse avvicinandosi, ma nessuno ci è mai arrivato.
L’algoritmo che comanda i risultati dei motori di ricerca di Google è un mistero come il Terzo Segreto di Fatima.
Si mormora che i collaboratori stessi del colosso del web, al momento dell’assunzione, siano tenuti a firmare un contratto molto vincolante in ambito di riservatezza.

Ed ora, per ultima, ci ha provato la Germania. Inutilmente.
Dalle colonne del Financial Times, Heiko Maas, ministro della Giustizia socialdemocratico, l’altro ieri durante un’intervista aveva chiesto al colosso di Montain View di rendere pubblica e accessibile la formula segreta del suo algoritmo.
Google ha prontamente risposto ieri, e il suo “No, grazie” è stato ampiamente motivato: «Il tema è stato esaminato per otto anni negli Stati Uniti e in Europa, e le autorità di regolamentazione hanno concluso che non usiamo i nostri algoritmi per prendere di mira i nostri concorrenti. Rendere i nostri algoritmi disponibili può sembrare semplice, ma — ha concluso il portavoce di Google — così facendo lasceremmo campo libero a spammer , siti con malware e siti web di bassa qualità, danneggiando i nostri utenti».

Paolo Pradolin

18/09/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.