Giovane di Spinea perde 10.000 euro al casinò e si inventa rapina per non dirlo alla fidanzata: i soldi erano di lei

169

carabinieri sparatoria a milano zona recintata

Il vizio del gioco può portare a conseguenze nefaste, si sa, ma in questo caso un giovane di Spinea ha esagerato. C.D. classe 1993 perde quasi diecimila Euro tra i tavoli e le macchinette di Cà Noghera e non sa come dirlo alla fidanzata, alla quale aveva sottratto il denaro.

Nella disperazione, nasce l’idea: inscenare una rapina in casa da parte di un incappucciato, che con la pistola puntata alla tempia, si fa consegnare il denaro.

E così racconta questo fatto ai Carabinieri di Spinea: un uomo – perdipiù con l’accento dell’est Europa – entra in casa incappucciato e con la pistola, lo sveglia – mentre riposa e la fidanzata è al lavoro – e se ne va con il denaro della ragazza.

Già il racconto presenta palesi incongruenze, ma i sospetti dei Carabinieri vengono fugati dopo il sopralluogo dell’appartamento del giovane; di fronte alle contestazioni sempre più pressanti, il ragazzo crolla e “vuota il sacco”, si è inventato tutto per nascondere le perdite al gioco.

Invece che l’informativa per il reato di rapina contro ignoti, scatta quindi la denuncia in stato di libertà per simulazione di reato dello sprovveduto, che – come se non bastasse – deve ora rendere conto alla fidanzata dell’ammanco.

Redazione

[08/04/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here