29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Fontaniva si interroga sul suicidio di Cittadella della ragazza di 14 anni

HomeNotizie VenetoFontaniva si interroga sul suicidio di Cittadella della ragazza di 14 anni

hotel palace cittadella padova suicidio strada

Fontaniva è il paese natale della ragazzina che a 14 ha pensato di togliersi la vita, quasi dando soddisfazione a quanti la dileggiavano sul social network maledetto: “Ucciditi.. che ci stai a fare…” le dicevano.

Oggi i funerali della ragazza che domenica scorsa si è lanciata dal tetto del palazzone dell’ex hotel Palace di Cittadella.

«Per Fontaniva questa morte è un dolore enorme», ripete il sindaco Marcello Mezzasalma accanto ai fiori che più mani, ieri, hanno posato ai piedi del «terribile» hotel. Una risposta però sarebbe dovuta.

Qualcuno ha spinto la ragazza morta a Cittadella al suicidio? E se è accaduto, non sarà mica qualcuno che conosceva, qualcuno del paese, magari suo coetaneo che si nasconde dietro l’anonimato di internet per distruggere le persone?

Fontaniva cova questo terribile dubbio: a scuola, in paese, qualcuno sa?

Accanto alla terribil ipotesi una quasi-certezza: ora quel terribile social network diventerà ancora più famoso, raccoglierà ancora più iscritti, Se non altro per la curiosità che ha scatenato.
E per via di quell’aberrante qualità umana di volersi avvicinare alle tragedie e all’orrido nella convinzione di poter comunque sempre poter tornare indietro, farà ancora più proseliti.

Alla scuola «Girardi» di Cittadella, comunque, ne sono convinti, anche se non lo dicono davanti: dietro quelle terribili frasi dette alla ragazzina che si è suicidata ci sono altri ragazzi, gli adulti non usano quel ‘social’.

Paolo Pradolin

[15/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Gli insegnati, le famiglie, hanno il dovere di parlare con i ragazzi, di aiutarli a capire come crescere e diventare persone capaci di non fare del male.
    Persone capaci di distinguere, di discernere, di misurare ilo costo di ogni azione. Per sé e per gli altri.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.