24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Candiani di Mestre a rischio per i tagli, comitati si mobilitano

HomeMestre e terrafermaCandiani di Mestre a rischio per i tagli, comitati si mobilitano

img cinema aperto piazzale candiani

25 associazioni di Mestre si sono unite per salvare il centro culturale Candiani dai tagli della cultura. Una lettera inviata al presidente del Consiglio comunale di Venezia è già stata inviata, frutto di una campagna iniziata già ai primi di questo mese quando si è iniziato a parlare di tagli ai fondi.

«Sarebbe – dichiara Furlan – un peccato che proprio adesso che il centro Candiani è diventato anche bello e un luogo di ritrovo per la città».

La lettera scritta dalle 25 associazioni si apre con un chiaro riferimento allo scandalo Mose per poi virare sui tagli indiscriminanti alla cultura. Si legge «come cittadini di Mestre siamo fruitori dell’offerta culturale mestrina in primis del Centro Candiani, della Vez, del Toniolo. E come cittadini chiediamo che tale offerta più rivolta alla cittadinanza rispetto ai grandi eventi culturali della Venezia lagunare sia salvaguardata nei budget assegnati. Riteniamo che questo si iscriva in una azione rivolta alla cittadinanza e abbia il sapore dell’equità».

Una difesa a più mani e a più cuori per proteggere un centro che negli ultimi mesi ha promosso la cultura, mettendo a disposizioni spazi per mostre e incontri curate anche dagli stessi cittadini.

«Tagliare il budget – continuano nella lettera – assegnato alla cultura nella terraferma e in particolare al Centro Candiani, significa anche togliere spazi alle associazioni culturali che lavorano con e per la comunità».

Ed è così che si chiede ai chi di dovere ‘un atto di coraggio’ nel differenziare i tagli, constatando caso per caso, se è possibile o meno tagliare.

Redazione

[19/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.