3.2 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

EPIC | Mary Katherine, eroina umana in un universo fantastico

HomeSpettacoloEPIC | Mary Katherine, eroina umana in un universo fantastico
la notizia dopo la pubblicità

NOTIZIE CINEMA | Epic, storia di eroi e di avventure, con una protagonista umana che verrà  trasportata in un universo fantastico, popolato da piccoli esserini che a poco a poco diventeranno il suo mondo, in un intrecciarsi di realtà  e fantasia, come solamente una favola d'altri tempi sa regalare.
Dopo il successo mondiale della saga “L'era glaciale”, il regista Chris Wedge e con lui i produttori della Blue Sky Studios americana, hanno ancora una volta imbastito una bellissima storia, un racconto di formazione, adatto sia ai grandi che ai piccini.
Il mondo segreto, che fa da sottotitolo alla parola Epic, è nient'altro che la foresta delle foglie volanti, abitata da fiori, ninfee, lumache ei Leafmen (uomini-foglia), i guardiani della regina.
Un microcosmo che ha una vita propria, difficilmente visibile all'occhio umano, un mondo che per caso diventerà  anche quello dell'adolescente Mary Katherine e le permetterà  di rinsaldare il rapporto con il padre, uno scienziato strampalato da sempre appassionato e alla ricerca di questi piccoli omini.

Come per ogni fiaba che si rispetti, anche in questa non manca la classica lotta fra il Bene e il Male: i Leafmen contro i Bogani, insetti succhia linfa, che vogliono annientare l'ecosistema.
Una foresta che è stata magistralmente ricostruita nei minimi particolari grazie alla computer grafica, rendendo quasi possibile allo spettatore, toccare con le proprie mani fiori e foglie che ai nostri occhi sembrano essere molto simili a quelli reali.
Proprio come l'intrecciarsi del piccolo baccello nella braccia di Mary Katherine, così la realtà , umana e fantastica, si fondono, creando un'unione simile a quella tanto decantata dai Leafmen: “Ogni singola foglia compone un albero”. Un motto che più in generale riguarda la solitudine e il bisogno di qualcuno accanto per affrontare le difficoltà , qui in particolare, il capo Bogano, Mandrake.
La volontà  della giovane M.K. quella di non lasciare il microcosmo finché non avrà  aiutato i suoi abitanti, dimostrano come la ragazza abbia preso sul serio quel messaggio e di come esso possa essere indirizzato al mondo umano, quello del pubblico al cinema.

Nonostante il film riprenda proprio il tema del mini-mondo già  proposto in “Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento”, prodotto dallo Studio Ghibli o in “Arthur e il mondo dei Minimei” di Luc Besson, questo film d'animazione sembra aver qualcosa in più. Sono infatti quel clima di classicità  che si respira, i buoni sentimenti e le simpatiche gags dei personaggi comici Mub e Grub (le lumache doppiate da Lillo & Greg), che lo rendono divertente stemperando la tensione.

Il miscuglio di elementi va così a creare una storia fantastica degna di essere assaporata con una buona dose di suspense, voli mozzafiato, che in 3D senza dubbio risaltano, una morale universale e del buon e sano divertimento.

Alice Bianco
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[25/05/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?