17.9 C
Venezia
sabato 18 Settembre 2021

ELISA CLAPS, RESTIVO CONDANNATO

HomeNotizie NazionaliELISA CLAPS, RESTIVO CONDANNATO

NOTIZIE ITALIANE | Condannato a trent'anni, come in primo grado. Danilo Restivo, ritenuto l'assassino di Elisa Claps, è stato condannato dalla Corte d'Assise di Salerno a trent'anni. Si tratta della conferma in tutto e per tutto della condanna che Danilo Restivo aveva ritenuto nel secondo grado di giudizio. Elisa Claps era la ragazzina sedicenne sparita a Potenza il 12 settembre del 1993 e ritrovata diciassette anni dopo nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità , dopo che l'ultima volta che fu vista viva era in compagnia di Restivo.
Il ritrovamento del cadavere di Elisa aveva consentito alle indagini di fareun balzo in avanti e di raccogliere nei confronti di colui che era sempre stato il principale sospettato, prove scientifiche (la presenza del suo Dna sui resti degli abiti della ragazza) che hanno portato i giudici a condannarlo due volte.
Restivo ha partecipato al processo in qualità  di detenuto «in trasferta» dalla Gran Bretagna, dove ha scelto di andare a vivere alcuni anni fa, e dove è stato arrestato e condannato all'ergastolo per l'omicidio di una sua vicina di casa, avvenuto con modalità  in molti casi analoghe a quello di Elisa. Per questo motivo tornerà  a scontare la pena in Inghilterra, anche se i suoi legali, il professor Alfredo Bargi e l'avvocato Marzia Scarpelli, hanno già  deciso che ricorreranno in Cassazione e sperano quindi in un verdetto che porti a celebrare nuovamente l'appello.
La mamma di Elisa Claps, la signora Filomena Iemma, alla lettura del verdetto è scoppiata a piangere stringendo tra le mani una foto della figlia.

Mario Nascimbeni
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[25/04/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor