27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Ebola è arrivata, il primo contagiato dal virus in Spagna

HomeCronacaEbola è arrivata, il primo contagiato dal virus in Spagna

Ebola è arrivata, il primo contagiato dal virus in Spagna

Ebola è arrivata, nonostante tutte le rassicurazioni delle personalità autorevoli, è avvenuto ciò che si riteneva possibile accadesse, cioè che un malato sbarcasse in territorio europeo e qui vi morisse.

Il virus Ebola arriva in Spagna, fa la sua comparsa nel vecchio continente dopo un viaggio in aereo, e registra il primo decesso europeo a causa della terribile malattia.

Miguel Pajares, 75 anni, è un religioso in gravi condizioni a causa del contagio.
L’uomo aveva assistito il direttore dell’ospedale di Monrovia in Liberia, morto sabato per lo stesso virus, nelle sue ultime ore, poi si è ammalato anche lui.

Miguel Pajares era stato posto in isolamento. Sofferente, nelle sue ultime ore di vita, aveva chiesto di poter tornare a casa. Sarebbe stato il suo ordine religioso a sollecitarne il rimpatrio.

Così da Madrid è partito un aereo militare, ha preso il malato e l’ha rimpatriato.
La Spagna ha così ora il primato del primo malato del virus Ebola in Europa.
Il religioso è stato trasportato poco dopo il suo arrivo all’ospedale Carlos III, dove era stato predisposto per lui uno speciale reparto ad alto isolamento.

La responsabile della Salute spagnola, Mercedes Vinuesa, dichiara: «La sicurezza è garantita», ma ora Ebola fa paura.
In Spagna come in Italia.

Redazione

[07/08/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.