5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

E se la Nazionale va male? Tanto poi va tutto a… Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliE se la Nazionale va male? Tanto poi va tutto a... Di Mattia Cagalli
la notizia dopo la pubblicità

brasile proteste contr mondiali

Il Campionato del Mondo di calcio è cominciato e sono iniziati anche i post e le lamentele deliranti sui social network.

La gente borbotta e si erge a qualunquista populista della prima ora, anche alcuni politici hanno praticato l’ovvietà nelle loro pagine personali.

Più o meno questi post recitano tutti così “Ora che ci sono i mondiali i problemi degli italiani, dei giovani dei disoccupati e del governo spariscono”. Davvero, complimenti per questi messaggi utili all’umanità.

Sinceramente non ho mai capito perché ogni qual volta comincia un mondiale, spuntano questi ipocriti che vogliono distinguersi dalla massa. Poi nel caso la Nazionale vincesse la Coppa, sono i primi a gettarsi nella fontana con le lacrime di gioia.

Siamo bravi a fare i moralizzatori, a puntare il dito e a nasconderlo ma in certi ambiti non è comprensibile questo filosofeggiare con le ovvietà. Ci si sente più bravi? Più intelligenti a dire “Io non seguo il mondiale? Il calcio mi fa schifo?”.

Cosa serve apparire “diversi” agli occhi della gente? Come se il fatto di non vedere delle partite, risolvesse la disoccupazione, la povertà nel mondo e rendesse i politici italiani improvvisamente onesti!

Seguire o meno una competizione sportiva, non modifica le sorti del Mondo e colpevolizzare chi ha una passione, è decisamente ridicolo. Chi sale su questo carro dell’ipocrisia ogni quattro anni, dovrebbe impegnare molto meglio il suo tempo… Politici compresi.

Un discorso simile possono farlo gli abitanti del paese ospitante che, anche in modo violento stanno protestando.

Le spese pazze per l’organizzazione di una manifestazione di tale portata, fa a pugni con la condizione della maggior parte della popolazione brasiliana.

Solitamente il benessere che un mondiale porta alla nazione è generalizzato ma le differenze sociali del paese carioca e il contrasto delle favelas, accanto ai mega resort è troppo imponente.

Si arricchiranno quelli che già lo sono e i poveri rimarranno tali; un agente del servizio di sicurezza guadagna di media 250 euro al mese, praticamente non può permettersi nemmeno un biglietto per una partita. I prezzi infatti sono rapportati allo standard Europeo.

Il calcio dovrebbe essere sport e lo sport dovrebbe essere festa ma come possono festeggiare quelli che arrivano a malapena a domani?

Le uniche che si rallegrano veramente del mondiale sono le prostitute; con la massa di tifosi e turisti che il calcio porterà, aumenteranno per loro stessa ammissione i guadagni.

I bordelli mandano le ragazze ai corsi di inglese per accogliere e comunicare meglio con i clienti ma con gli italiani non avranno problemi. La lingua italiana è quella che conoscono meglio, il turista italico infatti è quello che pratica maggiormente il turismo sessuale.

Comunque vada, anche se la Nazionale dovesse uscire al primo turno, i nostri tifosi sapranno sempre come passare il resto delle vacanze… Sappiamo sempre farci riconoscere.

Mattia Cagalli

[12/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...