4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Dimissioni di Orsoni, che cosa gli ha fatto cambiare idea?

HomeNotizie Venezia e MestreDimissioni di Orsoni, che cosa gli ha fatto cambiare idea?
la notizia dopo la pubblicità

Dimissioni di Orsoni

Non erano passate nemmeno ventiquattr’ore da quando, giovedì, Giorgio Orsoni era entrato in municipio dicendo «no, non mi dimetto».
Il giorno dopo Orsoni esce dalla porta del suo ufficio e dichiara a fotografi e giornalisti: «Ho deciso di presentare le dimissioni dalla carica di sindaco».

Le dimissioni di Orsoni, gesto auspicato da molti (anche tra i suoi amici) da cosa sono state provocate?

Renzi, sicuramente, lo ha indotto in questa strada con la sua posizione non contrattabile: «Non guardiamo in faccia a nessuno. Con Orsoni il Pd è stato chiaro. Comprendiamo il suo dramma umano ma, con tutto il rispetto, nel momento un cui uno patteggia è del tutto evidente che non può fare il sindaco».

Nelle stesse ore sarebbe stata diffusa anche una nota del Partito Democratico: «Abbiamo maturato la convinzione che non vi siano le condizioni perché prosegua nel suo mandato di sindaco di Venezia – hanno scritto il vicesegretario nazionale Debora Serracchiani e il leader regionale Roger de Menech – invitiamo quindi Orsoni a riflettere sull’opportunità, nell’interesse dei cittadini di Venezia e per la città stessa, di offrire le sue dimissioni».

Orsoni, poi, ha sofferto per chi gli ha girato le spalle all’interno della sua stessa maggioranza. Il consigliere pd Jacopo Molina ha dato le dimissioni, se ne sono andati quelli di Rifondazione comunista e di «In Comune», il partito di Caccia e Bettin. Agostini e Seibezzi hanno pure dato le dimissioni.

Ecco che Giorgio Orsoni, come ultimo suo atto da sindaco, sfiducia la Giunta prima di dare le dimissioni azzerando cariche e deleghe. Un gesto che ha indispettito gli stessi partiti e i singoli assessori, fino allo scatto d’ira del responsabile dell’Ambiente Gianfranco Bettin che, durante la riunione di giunta, ha scagliato il bicchiere con l’acqua che aveva davanti sulla parete della stanza.

«Questa decisione ha la scopo di certificare il venir meno da parte mia di qualsiasi fiducia nel rapporto con la rappresentanza politica che mi ha espresso», ha scritto nella sua lettera consegnata al presidente del consiglio.
Più esplicito di così.

Paolo Pradolin

[14/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...