29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Redditi 2013: Irpef sulle spalle dei dipendenti. Gli autonomi guadagnano meno dei dipendenti

HomeEconomiaRedditi 2013: Irpef sulle spalle dei dipendenti. Gli autonomi guadagnano meno dei dipendenti

operai al alavoro

L’esame delle dichiarazioni dei redditi del 2013, diffuse ieri dal ministero dell’Economia, rivelano diverse sorprese.
la prima evidenzia che il 93% dell’Irpef è a carico dei lavoratori dipendenti e solo il 7% del totale a carico degli autonomi, i quali dichiarano nella maggioranza redditi più bassi dei primi.

Il 5% dei contribuenti più ricchi ha in mano il 22% del reddito complessivo, inoltre sono solo 30 mila i contribuenti che denunciano più di 300 mila euro di guadagni.

Il reddito mediano è di 15.654 euro lordi, mentre la maggior parte degli italiani, il 95%, comunque denuncia redditi complessivi fino a 35.819 lordi.

Il reddito medio degli imprenditori individuali rimane più basso di quello dei lavoratori dipendenti: 17.470 euro contro 20.280 euro, mentre i pensionati denunciano 15.780 euro.

Nell’analisi del territorio i lombardi guidano la classifica dei redditi dichiarati, con una media di 23.320 euro e superano i calabresi, ultimi in classifica, di oltre 10 mila euro — ma al momento di pagare sanno utilizzare meglio sconti e abbattimenti vari. Sono quindi i contribuenti del Lazio, che pure denunciano redditi inferiori, a guidare la classifica dell’Irpef versata: 5.970 euro, 140 euro in più dei cittadini della Lombardia.

Redazione

[27/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.