17.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Detrazioni Irpef: alleggerimenti o tagli, a meno che non tornino i milioni dalla Svizzera

HomeEconomiaDetrazioni Irpef: alleggerimenti o tagli, a meno che non tornino i milioni dalla Svizzera

milioni di euro

Il governo si trova davanti ad un’altra svolta decisiva della sua storia. Tagliare o meno le detrazioni fiscali Irpef, come minacciato-paventato, per recuperare il mezzo miliardo di risparmio che manca e che invece è previsto dalla legge di Stabilità (cifra che salirà a 700 milioni nel 2015 e si stabilizzerà a 600 dal 2016).

Al ministero dell’Economia e a Palazzo Chigi prevale un certo pessimismo. Il riordino delle detrazioni dal punto di vista della comunicazione equivale a un aumento delle tasse. L’ennesimo, per questo l’esecutivo vorrebbe evitarlo.

A questo punto sono tre le strade: la prima è operare un taglio selettivo delle detrazioni, basandosi sulle fasce di reddito, cioè facendolo ricadere prevalentemente su quelle più elevate, circa 5 milioni e mezzo di contribuenti. La seconda potrebbe essere quella di scegliere soltanto alcune delle detrazioni cancellandole per tutti.

La terza consiste nel consueto ‘ritocchino’ al ribasso: se il taglio selettivo non verrà operato si procederà a uno lineare delle detrazioni Irpef che finora sono applicate nella misura del 19% , che scenderebbero al 18%, per arrivare al 17%.

Che significa: questa misura sarebbe retroattiva, cioè prevede l’applicazione per tutte le spese fatte nel 2013, dichiarate nel 2014. Le spese fatte nel 2013 passerebbero al 18%, quelle del 2014 avrebbero una percentuale invece del 17%.
In pratica un’altra manovra, che colpirebbe tutti, indiscriminatamente, senza distinzione di reddito.

Una piccola speranza di evitare tutto questo ancora c’è. I 500 milioni richiesti dalla legge di Stabilità potrebbero arrivare dall’accordo con la Svizzera sul rientro dei capitali dall’estero. L’idea è sempre stata considerata “un gettito aleatorio” (un po’ campata per aria).

Queste le possiblità, anche perchè la arcinota spending review, a cui si chiede ormai di recuperare risorse per qualsiasi evenienza, pare essere ormai all’osso.

Paolo Pradolin

[20/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.