1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Italia, e adesso? Il Costa Rica mette a nudo i problemi di Chiellini e C

HomeCalcioItalia, e adesso? Il Costa Rica mette a nudo i problemi di Chiellini e C
la notizia dopo la pubblicità

Delusione Italia Costa Rica

Delusione Italia, non c’è altra definizione possibile. Finalmente il popolo di tifosi pallonari può compiacersi della prima partita ‘comoda’ (alle 18) della sua Nazionale, ma la squadra offre la sua peggior prestazione mettendo in luce tutta la sua pochezza.

Incredibile come le gambe fossero pesanti, il possesso di palla fosse con il pallone quasi fermo, che a nessuno riuscisse uno scatto, quando i ragazzoni della Costa Rica correvano e scattavano da tutte le parti.
Addirittura imbarazzante lo stato di forma di un Chiellini che è rimasto seduto tutta la partita, andando a rimediare con un fallo da rigore (non concesso) in area alla prima disattenzione, e concedendo il gol alla seconda.

Italia, e adesso? Fortunatamente siamo ancora in gioco: Italia e Uruguay si giocheranno lo scontro decisivo nel confronto diretto di martedì a Natal, mentre dall’Italia arrivano gli improperi a Prandelli che ha portato in gita giocatori fuori forma per lasciare a casa Pepito Rossi.
Agli azzurri basterà pareggiare per andare avanti, ma ciò non cancella la brutta figura dell’Arena Pernambuco, dove l’Italia è stata sconfitta da un gol di Bryan Ruiz, in una gara che per gli azzurri è stata una lezione di calcio.

Il Costa Rica, guidata dal colombiano Jorge Luis Pinto, 61 anni, ha saputo dare alla squadra un’organizzazione di gioco magnifica e motivazioni straordinarie, dove tutti corrono e si muovono a tempo.
Non è per caso che gli azzurri siano finiti 11 volte in fuorigioco e che Pirlo, l’unico ad aver capito in fretta come sorprendere la linea altissima dei costaricensi, alla distanza sia stato sommerso dal pressing avversario.
Anche perché è mancato completamente il gioco sulle corsie laterali, con Abate sempre in affanno, e Darmian che non è un mancino. Balotelli si è spento dopo due tiri, avendo tentato la finezza per puro spettacolo sul secondo (invece del pallonetto al portiere in uscita, non si poteva fare altro?).

Delusione Italia: ritmo troppo basso, inserimenti approssimativi, pressing inesistenti, nessun movimento senza palla, movimenti così lenti che gli avversari venivano a portar via la palla tra le gambe.
La resistenza (e probabilmente il fiato) degli azzurri dura una mezz’ora. Una frazione in cui si vede Thiago Motta (palla a lato), poi due volte con Balotelli, la prima con un pallonetto (controllo di sinistro, conclusione non centrata di destro), la seconda con un pallone dal limite (parata di Navas). Il tutto fra il 27’ e il 33’.

I cambi non hanno portato miglioramento: Cassano per Thiago Motta, ma il barese perde presto lucidità non andando a fare male con gli inserimenti sinistri dell’area, la cosa che sa fare meglio, poi Insigne e Cerci per Candreva e Marchisio, ma la sostanza non cambia, ormai la squadra era un pachiderma assonnato.

Roberto Dal Maschio

[21/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...