COMMENTA QUESTO FATTO
 

col-druscie

Mondiali di sci minacciati dalla presenza dei galli cedroni. Questa è la situazione a Cortina D’Ampezzo dove la candidatura 2019 per le gare mondiali sulla neve, potrebbero essere vietate, tutta colpa degli ambientalisti.

Il pennuto è uno degli animali tipici della fauna dolomitica, che nidifica e cresce i propri pulcini durante il periodo estivo, specialmente nella zona del Col Drusciè, proprio dove è in programma la costruzione della nuova pista per lo slalom.

Il progetto presentato dal comitato per la candidatura della cittadina dolomitica per i Mondiali del 2019, prevede una pista ultra tecnica larga 80 metri. La zona interessata però, dovrebbe essere disboscata e più precisamente in estate, quando il gallo cedrone alleva i piccoli.

Gli ambientalisti allora, hanno alzato la voce in difesa del gallo cedrone, esattamente come per il gallo forcello, un’altra varietà, per non parlare poi, anche di cervi e daini, stambecchi e caprioli.

Il gruppo dei protestanti si è così rivolto formalmente alla Soprintendenza per il paesaggio e i beni ambientali, consegnando un dossier sui possibili danni a flora e fauna. Questo è già avvenuto a febbraio, quando la Soprintendenza ha posto un veto, ma ha ottenuto una proroga per esprimersi entro il 26 maggio.

Il 5 e 6 giugno a Barcellona, si deciderà se il Mondiale 2019 finirà sulle Dolomiti o nella piccola cittadina di Are, in Svezia, che ha già organizzato l’edizione 2007. Sarebbe la seconda volta, dopo 63 anni, dai Mondiali tenutisi nella Regina delle Dolomiti, dopo il 1956.

Redazione

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

[19/05/2014]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here