0.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Conte: ‘Le decisioni arbitrali hanno condizionato, la Juventus non meritava di perdere’

HomeCalcioConte: 'Le decisioni arbitrali hanno condizionato, la Juventus non meritava di perdere'
la notizia dopo la pubblicità

cristiano ronaldo real madrid

«Ronaldo è un grandissimo campione, ma ha avuto l’aiutino». Antonio Conte non ci sta a subire la seconda sconfitta consecutiva, soprattutto dopo che, oggettivamente, in campo si è vista un’altra Juventus rispetto a quella di Firenze.

Al fischio finale Conte schizza fuori dall’area tecnica e va incontro all’arbitro tedesco Grafe, per protestare contro alcune sue decisioni: «Mi sono complimentato per la sua prestazione, che lascia dei dubbi importanti. Per quanto riguarda la nostra di prestazione, siamo venuti a Madrid per giocarcela e lo abbiamo fatto: è una sconfitta dolorosa perché il cammino in Champions diventa molto in salita, ma i ragazzi sono stati bravi e hanno dimostrato che in questo palcoscenico ci possiamo stare bene. Torniamo a casa con la convinzione di poterci qualificare per gli ottavi. La verità è che siamo stati battuti da due episodi. L’espulsione ha condizionato la gara: ci hanno detto che Chiellini è stato espulso per un fallo da ultimo uomo ed è una cosa incredibile, che mi fa ridere. Le decisioni arbitrali hanno condizionato la partita, ma dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno: siamo stati la squadra che più ha messo in difficoltà il Real in casa sua. L’anno scorso con il Bayern abbiamo preso una bambola, stavolta la bambola abbiamo rischiato di darla…».

Ronaldo rovina subito la serata a Conte, ma la Juventus non è proprio quella vista con la Fiorentina, non perde la testa e Fernando Llorente segna il suo terzo gol in questo stadio. ma purtroppo per Conte e C. c’è sempre un Cristiano Ronaldio in giro, che con un rigore chirurgico e che guadagnandosi il fallo ad inizio secondo tempo lascia la Juventus in dieci.

Carlos Tevez, che non ha fatto una gran figura contro il Real, la vede diversamente: «Dobbiamo pensare a noi stessi e non all’arbitro. Abbiamo fatto errori che non possiamo commettere, questo è quello che è successo. Magari l’arbitro ha sbagliato, ma dobbiamo pensare a noi».

E magari anche al fatto che è proprio lui l’uomo preso per fare il salto di qualità in Europa, lui che non segna da 4 anni in Champions.

Roberto Dal Maschio

[24/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

No Vax in strada a Verona, c’è anche il prete: “Draghi e Brunetta, andrete all’inferno”

No Vax e proteste a Verona: in mille in corteo tra cui anche un sacerdote no vax. Si è svolto infatti oggi l'ennesimo pomeriggio di protesta da parte degli schieramenti No Green Pass - No Vax a Verona, dove si sono...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".