24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Complicanze emotrasfusi o vaccinati, il Veneto ha vinto la battaglia contro lo Stato

HomeNotizie VenetoComplicanze emotrasfusi o vaccinati, il Veneto ha vinto la battaglia contro lo Stato

Complicanze emotrasfusi o vaccinati, il Veneto ha vinto

“Finalmente il Veneto ha vinto la battaglia per garantire il pagamento degli indennizzi previsti dalla Legge 210/1992 a favore di quanti hanno contratto malattie o subito complicanze patologiche irreversibili a causa delle infezioni provocate da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni o somministrazioni di emoderivati. Tocca allo Stato sborsare questa cifra, che noi, come Regione, abbiamo anticipato senza mai rinunciare a chiedere al Governo il rispetto di quanto previsto dalla Legge. Si tratta di uscite complessive, nell’arco degli ultimi anni, di una cinquantina di milioni”.

La soddisfazione è tangibile nelle voci degli assessori veneti al bilancio, Roberto Ciambetti e alla sanità, Luca Coletto (a sibìnistra di Zaia, nella foto). I due hanno parlato a margine della Conferenza delle Regioni e Province autonome, in corso a Roma, sul tema degli emotrasfusi.

“Nel marzo scorso – ricordano gli assessori -, con voto unanime il Consiglio regionale ha deciso di continuare anche nel 2014 a rimborsare l’indennizzo agli aventi diritto, per un ammontare complessivo di circa 21 milioni di euro. Queste risorse, in virtù della citata legge del 1992 che riconosceva il risarcimento permanente agli emotrasfusi, fino al 2011 erano trasferite dallo Stato alla Regione, delegandola al pagamento del rimborso. Ma dopo il 2011 il Ministero della salute bloccò i trasferimenti sino alla decisione del Governo Monti, che lasciò tutti allibiti, di abolire addirittura il capitolo di spesa. Ma nel frattempo, come previsto dalla legge, il Veneto aveva già anticipato le somme”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.