giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

CHIEDONO UN PASSAGGIO, SEDUCONO IL CONDUCENTE E LO DERUBANO

HomeVenezia cittàCHIEDONO UN PASSAGGIO, SEDUCONO IL CONDUCENTE E LO DERUBANO

MARGHERA | Ci si ricorderà  del 57enne veneziano che era entrato in un kebab di Mestre l’8 aprile scorso unicamente con l’intenzione di mangiarsi un panino e che alla conclusione della sua disavventura ci aveva rimesso la sua collana d’oro per aver dato un passaggio imprudente a quattro donne che lo hanno derubato dopo avergli proposto un rapporto sessuale. Tutto poteva aspettarsi il malcapitato tranne che, oltre all’individuazione delle autrici del furto, la polizia riuscisse anche a recuperare quel prezioso a cui era affezionato.
Giusto per riepilogo, ricordiamo che mentre l’interessato era impegnato ad addentare un panino accomodato in un tavolino, è stato avvicinato da quattro ragazze tra i venti e i trent’anni che gli si erano seduteaccanto. Le ragazze, dopo averlo approcciato, gli hanno chiesto la cortesia di essere accompagnate a Marghera.
Vinte le resistenze iniziali dell’uomo, le quattro uscivano con lui dal locale e salivano sull’auto dello sventurato che, raggirato, acconsentiva di accompagnarle a Ca’ Emiliani.
Prima di scendere a destinazione, però, le donne erano riuscite a far accostare il malcapitato in una zona appartata con l’offerta di una prestazione sessuale, che non ci sarebbe stata. Solo in un secondo tempo la vittima si accorgeva della sparizione della sua collana, e, probabilmente imbarazzato al pensiero di dover dare una spiegazione a casa circa la vicenda, ritornava a Ca’ Emiliani nella speranza andata delusa di ritrovare le quattro giovani e farsela restituire.

L’uomo, comunque, si è fatto coraggio e ha sporto denuncia presso il Commissariato di via Cosenz, dove, raccolte le dichiarazioni iniziali e le descrizioni, la logica investigativa degli inquirenti ha condotto a puntare la lente verso l’ambiente delle donne bulgare senza fissa dimora dedite alla prostituzione. Facendo centro. Infatti, predisposto un album fotografico, la persona offesa ha saputo riconoscere senza ombra di dubbio tre delle donne cui aveva dato un passaggio, artefici in concorso del furto che ha subito.

In più, avendo il personale del Commissariato ampia conoscenza del territorio e delle realtà  che vi operano, si è individuato anche il “Compro oro” presso cui era stata venduta la collana per un importo superiore a 500 euro. Presso tale esercizio commerciale il titolare aveva regolarmente fotografato e registrato l’acquisto della collana consegnata da K.I.A., di 25 anni, una delle tre ragazze riconosciute dalla persona offesa. Caso chiuso? No, e non solo perché manca all’appello un’altra ragazza, ma anche perché in data 12 aprile, sempre presso il Commissariato di Marghera, si è presentata un’altra persona per denunciare un episodio simile.
Si tratta di S.S., il quale, in data 01 aprile, mentre si trovava presso un bar di via Fratelli Bandiera, veniva avvicinato da una ragazza, la quale con accento dell’est europa gli chiedeva un passaggio in macchina fino a Mestre. Il medesimo si dichiarava inizialmente titubante perché aveva capito di aver ricevuto la richiesta da parte di una prostituta; tuttavia, viste le insistenze e per il fatto che lei gli faceva un po’ pena, decideva di acconsentire. Così, nel momento in cui salivano in macchina, si materializzava una seconda donna che prendeva posto sui sedili posteriori. Lo sventurato iniziava a condurre il suo veicolo verso Mestre e le due donne iniziavano a distrarlo, a toccarlo e a chiedergli se volesse una prestazione sessuale, che lui rifiutava. Giunti presso una rotonda a Corso del Popolo, su richiesta di accostare, le due donne scendevano e solo successivamente la persona offesa si accorgeva che erano state sottratte le sue due collane in oro che portava al collo.
Successivamente convocato per essere sottoposto a individuazione fotografica, il derubato riconosceva in M.I.A., anche lei di 25 anni, la donna a cui aveva acconsentito di dare un passaggio e che si era seduta davanti in auto.
Pertanto, sulla base delle ricostruzioni fornite, la Polizia di Stato di Marghera ha deferito alla competente A.G. quattro donne per l’ipotesi di furto in concorso.

E’ noto che lungo via Fratelli Bandiera – Marghera sono operanti, tra altre etnie, donne di cittadinanza bulgara senza fissa dimora dedite alla prostituzione.
Tra le ipotesi oggi al vaglio, visti i due episodi descritti, si propende a ritenere che sia anche operante un gruppo delle stesse che, attraverso espedienti come quello di chiedere un passaggio in automobile, avvicinino potenziali clienti con lo scopo di impossessarsi di preziosi, sottraendoli agli ignari cittadini mentre vengono distratti con attenzioni di tipo sessuale.
Tali preziosi verrebbero successivamente poi piazzati per ricavarne una monetizzazione.
Tale ipotesi sarebbe confermata anche dal fatto che in questi ultimi giorni le donne bulgare dedite alla prostituzione hanno fatto perdere le loro tracce o, quantomeno, non esercitano più nei posti dove era consueto trovarle.
Adesso il Commissariato di Marghera è in attesa di ulteriori segnalazioni che permettano di accertare altri episodi come quelli già  accertati.

I Poliziotti di Marghera, pertanto, determinati a debellare il fenomeno, stanno verificando la sussistenza di altri episodi simili ed invitano, a tal fine, chiunque abbia subito i medesimi fatti a presentarsi presso gli Uffici di Polizia e fornire ogni elemento utile.


[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[18/04/2013]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Se John Malkovich non può entrare in albergo senza Pass, com’è entrato in Italia?”. Lettere

Buongiorno ho letto la notizia, oramai su tutti i quotidiani, in merito al blocco dell'ospitalità a Malkovich perché sprovvisto di green pass; ineccepibile e coraggioso comportamento della direzione ma mi chiedo come è entrato in Italia?? Sicuramente con un aereo...