19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Centro di Treviso, fermati mendicanti ‘’facce nuove’’

HomeNotizie VenetoCentro di Treviso, fermati mendicanti ‘’facce nuove’’

donna elemosina

Continua l’ondata di mendicanti finti disabili e non, che stazionano nel centro di Treviso. Sembra che la minaccia del ‘’foglio di via’’ intimorisca gli habitué e allora ecco che ne compaiono di nuovi a sostituirli.

Sabato pomeriggio, la polizia municipale con un blitz, ne ha fermati e multati 9, tra piazzale Burchiellati e piazza dei Grano e in piazza dei Signori. Tutte facce nuove, ha confermato il comandante dei vigili urbani, Federica Franzoso, ‘’dimostrazione che l’opera del Comune per combattere il fenomeno sta dando già i primi frutti’’.

Troppi fermi e multe sembrano aver fatto desistere i classici mendicanti che chiedevano insistentemente l’elemosina. Essi probabilmente si sono spostati in un’altra città, mentre a Treviso ne sono arrivati di nuovi.

Si fa inoltre sempre più reale, l’ipotesi che dietro a questi stranieri comunitari, vi sia un’organizzazione illegale che li sfrutti, essendo spesso fermate delle persone che hanno gli stessi cognomi e quindi tra di loro, parenti o familiari.

Sempre più in dirittura d’arrivo anche il patto stipulato tra il primo cittadino di Treviso, Giovanni Manildo e altri comuni del territorio veneziano e padovano, pronti a combattere questo racket.

Lo strumento del decreto di allontanamento dall’Italia, è l’arma numero uno. Prefetture e questure sono pronte ad allontanare il mendicante nel caso in cui, fermato ed identificato dai vigili urbani, risultasse un cittadino comunitario, in forze ma senza lavoro, senza familiari in Italia ma anche senza problemi di salute.

Il decreto prevede che la persona si rechi all’ambasciata italiana del suo Paese d’origine per farsi timbrare l’allontanamento più e non dovrà più mettere piede nel Comune dal quale è stato allontanato, altrimenti per lui scatterà un’accusa penale.

Redazione

[17/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.