lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

CELLULARE GLI HA FATTO VENIRE UN TUMORE | Malattia riconosciuta dal tribunale

HomeNotizie NazionaliCELLULARE GLI HA FATTO VENIRE UN TUMORE | Malattia riconosciuta dal tribunale

ITALIA | I.M. è un uomo di 60 anni, di Carpenedolo, ex direttore finanziario di una multinazionale bresciana. Ogni giorno, per anni doveva stare ore al telefono per concludere affari con la Cina o con i Paesi Arabi. Ore e ore con il telefonino incollato all'orecchio, ora il cellulare gli ha fatto venire il cancro, dice il tribunale.Vi sarebbe quindi una relazione diretta tra il tumore alla testa del direttore finanziario e l'uso continuo e prolungato nel tempo del telefono cellulare. Una neoplasia ai nervi cranici direttamente collegata all'uso del telefonino.

La notizia è venuta alla luce perchè I.M. ha vinto la sua battaglia legale: la Cassazione ha respinto il ricorso presentato dall'Inail alla sentenza della Corte d'Appello di Brescia ed ha finalmente riconosciuto l'esistenza di un nesso causale tra l'attività  lavorativa del manager svolta sempre prevalentemente al cellulare o al cordless e l'insorgere di un neurinoma del ganglio di Gasser, un tumore benigno al nervo trigemino.

I giudici della Corte di Cassazione hanno ribadito la validità  dei riferimenti scientifici portati in aula che evidenziavano l'aumento del rischio di tumori ai nervi cranici, soprattutto il nervo acustico e il trigemino, per chi usa molto il telefono cellulare.
Si tratta di una sentenza storica che vede ora riconosciuta anche dall'Inail che la rifiutava la patologia e la sua possibile causa, così come anche per un collega di I.M., F.M., che faceva lo stesso lavoro, nella stessa azienda, con lo stesso uso del telefono, che è stato colpito dallo stesso tipo di tumore.

I casi dicono un po' di più della possibile relazione tra l'uso prolungato del telefono cellulare e il cancro, un po' di più di quanto sia stato detto fino ad ora. Anche per questo, va assolutamente raccomandato a chi usa il cellulare continuativamente l'uso dell'auricolare o, ove possibile, del viva-voce.

paolo pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[18/10/2012]


titolo: CELLULARE GLI HA FATTO VENIRE UN TUMORE | Malattia riconosciuta dal tribunale
foto: CELLULARE, USO DI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...