22.8 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Casino’ di Venezia, Orsoni: «Si credeva che fosse un bancomat»

HomeNotizie Venezia e MestreCasino' di Venezia, Orsoni: «Si credeva che fosse un bancomat»

casino di venezia ca noghera

Il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, ammette che per la vendita del Casino’ di Venezia pensava arrivasse qualche offerta, ma non per questo si dichiara pessimista: «le manifestazioni d’interesse facevano pensare che almeno una o due offerte sarebbero state presentate», ma per la cessione della casa da gioco non si dichiara preoccupato.

«Il fatto che non siano state ancora concretizzate delle offerte non significa che non ci sia interesse: la procedura si sta sviluppando, non è ancora conclusa, faremo le nostre valutazioni all’interno della maggioranza e del Consiglio comunale, e vedremo come andrà avanti. Anche se è chiaro che gli investitori fanno una valutazione complessiva, un mix che ricomprende aspetti diversi: dalla redditività dell’investimento, ai vincoli e ai costi di gestione».

Orsoni, quindi, ha comunque precisato che «il Casino’ di Venezia non è in perdita: è un’azienda sana, che dà sì pochi utili, ma rispetto a quanto ha dato in passato, anche impropriamente».

«Il Casino’ – ha proseguito il sindaco – non pesa sulle casse del Comune, così come non ha mai fatto. Il problema è un altro: quello che, in un certo periodo precedente di vita di questa città lo si è pensato come un bancomat ed è quindi semmai il Comune che può aver pesato sul Casino’ di Venezia. Ecco perché affermo che va pensata una sua ristrutturazione, così come va coperto il buco lasciato dalle precedenti amministrazioni, attualmente congelato nella società patrimoniale del Casinò».

Redazione

[19/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.