Calcio scommesse, sempre sospetto partite di A

ultimo aggiornamento: 02/07/2011 ore 08:20

109

Revocati gli arresti domiciliari a Francesco Giannone, commercialista di Bologna, e a Massimo Erodiani, titolare di agenzie di scommesse di Pescara, i due personaggi maggiormente coinvolti, al momento, per il nuovo scandalo sul calcio scommesse.


Giannone ed erodiani possono riacquistare la libertà  per aver collaborato all'indagine della magistratura di Cremona.
Per l'accusa, Francesco Giannone è un componente di spicco del “gruppo dei bolognesi”, quello che vedrebbe in testa Beppe Signori, mentre Erodiani è sospettato di essere il tramite che permetteva le combine delle partite.


Nel frattempo, stanno per iniziare le indagini della Federazione. Il procuratore della Figc, Stefano Palazzi sentirà  lunedì il vicepresidente del Ravenna, Antonio Ciriello.
Giovedì 7 luglio sarà  il turno di comparizione di Beppe Signori. Lo stesso giorno verrà  sentito Massimo Erodiani, per sua propria disponibilità  non avendo obblighi con la Federazione non essendo un tesserato.

Massimo Erodiani, nel precedente interrogatorio durato circa 5 ore aveva parlato di altre partite di serie A, dichiarando di aver sospetto di manipolazioni. Ma, al momento, non si hanno riscontri di ciò, mentre il suo legale ha dichiarato che si tratta di notizie riferite da altri.

[02 luglio 2011]


Gianni Dall'Aglio

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here