20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Calcio, nascondere dietro il razzismo i veri problemi. Di Mattia Cagalli

HomeCalcio,facciamo il punto. Di Mattia CagalliCalcio, nascondere dietro il razzismo i veri problemi. Di Mattia Cagalli

Diritti tv calcio cambio sistema utenti

Ci siamo cascati ancora una volta.
La fobia del razzismo comunque e dovunque ha colpito ancora, il presidente della Lega dilettanti non è presentabile, non è candidabile perché razzista.
Da giorni risuona una sua frase incriminata in cui accusa che mentre in Inghilterra effettuano controlli e selezioni sui giocatori che arrivano nel professionismo, i nostri presidenti di Club acquistano il primo Opti Poba che fino a pochi giorni prima mangiava banane.
Apriti cielo, scandalo, tutti insorgono e prendono le distanze dal loro candidato alla Figc.
I fratelli Della Valle, Squinzi, e altri ritirano l’appoggio, Albertini (altro candidato) si vergogna. Si intromette anche il PD e tutto diviene un caso politico.
Addirittura la FIFA (che farebbe meglio a guardarsi in casa sua), chiede una indagine in merito alle frasi.

Bene, bravi, bis. Quanta ipocrisia, le parole di Tavecchio sono certamente sbagliate nei toni ma come dice Zeman “Corrette nel concetto”.
Non è forse vero che le società italiane corrono ad acquistare il primo giocatore, anche minorenne purché straniero. Tutto pur di non far emergere i talenti nostrani. Insomma ci vogliono raccontare che un Opti Poba qualunque è più forte di tutti i Marco Brambilla?
Il punto però non è questo, è proprio l’ipocrisia di fondo dei sostenitori di Tavecchio e dell’opinione pubblica. Dove era tutta questa gente, quando le vere ragioni dell’incandidabilità del loro prediletto venivano espresse nei tribunali?
Si perché il presidente della Lega Dilettanti è già stato al centro di vari problemi giudiziari.

Insomma tutto questo, per la sua carica, per la sua candidabilità, è decisamente meno importante di Opti Poda, delle banane e di tutta la frutta Evidentemente Ai Della Valle, Ai Galliani, agli Squinzi e alle leghe di Serie A e Serie B, tutto questo andava bene. Probabilmente sapevano che con lui alla presidenza, ci sarebbe stato qualcuno che ci sapeva fare.
E’ inutile, non abbiamo speranze in questo paese.
Forse ha ragione il procuratore Raiola che per la presidenza della Federazione serve un esterno. Uno straniero e magari tedesco come Oliver Bierhoff.
Oppure Zeman, almeno rilancerebbe i giovani.

Mattia cagalli

[31/07/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.