0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

By-pass di Campalto: un’opera “al di fuori della legge”

HomeLettereBy-pass di Campalto: un’opera “al di fuori della legge”
la notizia dopo la pubblicità

campalto piazza

Siamo il gruppo di sventurate famiglie che subiranno a brevissimo i danni del disastro ambientale chiamato “opera stradale by-pass di Campalto”. Vogliamo segnalare ulteriormente il nostro martirio perché finiremo seppelliti in un tragico destino: la morte urbana delle nostre vite causata da un’ inutile opera mangiasoldi che sbranerà il territorio e il nostro futuro.

La tragedia è che la dispotica intesa politica locale vuole realizzare questo mostro di cemento a qualsiasi costo, pressando Anas a divorare 57,6 milioni di euro di pubbliche risorse.

Si vuole costruire questo by-pass stradale senza la tutela della fascia di rispetto di 300 metri dalla gronda lagunare, distanza obbligata dalla legge Galasso del 1985 e dal decreto Urbani del 2004:
praticamente una montagna di cemento che viola le conformità urbanistiche del Palav e ignora la salvaguardia del territorio nei riferimenti della paesaggistica del nuovo PTRC regionale.

Per confermare che quest’opera è “al di fuori della legge”, vogliamo evidenziare che nel territorio, a breve distanza da questo futuro scempio urbano, per le stesse regole di legge dei vincoli paesaggistici è saltato il tanto discusso Palais Lumière.

Il quadro globale poi si allarga con le notizie del nuovo Stadio di Tessera, ove risulta che il trust di aziende interessato a costruirlo ha dichiarato che garantirà assolutamente il rispetto di tutti i vincoli paesaggistici esistenti.

Allargando ancora il contesto delle grandi opere, è notizia pubblica lo spostamento di percorso verso nord della TAV, come risulta nei comunicati interni della Regione: questo cambio di tragitto consentirà il rispetto dei vincoli di salvaguardia imposti per la distanza dalla gronda lagunare.

Un’altra situazione lampante riguarda la futura seconda pista dell’Aeroporto Marco Polo che, sempre a causa di questi obbligati vincoli paesaggistici, sembrerebbe definitivamente in forse.

La condizione di essere un’opera “al di fuori della legge”, riguarda anche l’obbligo di interdizione al traffico pesante che il comune di Venezia richiede nel transito di questo by-pass: è palesemente un’irregolarità urbana (nonché una presa in giro) inserire tale divieto in un tratto interno ad una strada statale interamente camionabile.

Rimane sempre il sospetto che si voglia realizzare questo by-pass perché rappresenta un
collegamento veloce verso il discusso Quadrante di Tessera, senza nessuna utilità per l’area di Campalto, con un aumento immediato di polveri sottili e danni alla salute dei residenti.

Vogliamo porre in tal senso una domanda: perché il comune di Venezia non ritiene opportuno procedere con una rilevazione preventiva da parte di Arpav dei valori di inquinamento ambientale dell’area, per verificare la compatibilità con un incremento della rete viaria di attraversamento?

L’area di Campalto negli ultimi decenni è stata individuata come zona in cui è stato possibile seppellire diverse “scorie” inquinanti; ci si chiede come mai le istituzioni pubbliche chiamate a tutela dei cittadini e dei beni comuni dimostrino tanta noncuranza e negligenza.

Concludiamo, ricordando che anche la gara d’appalto di questo by-pass presenta situazioni di dubbia regolarità, poiché Anas avvalla un ricorso della ditta giunta seconda classificata, accetta un accordo successivo all’aggiudicazione provvisoria e stabilisce un affidamento dei lavori ad entrambe le imprese arrivate prima e seconda in graduatoria: tutto ciò è in contrasto con i criteri di aggiudicazione esplicitati nel bando di un concorso pubblico, nonché, di conseguenza, viola il rispetto della trasparenza pubblica e delle norme previste dal DLgs 163/2006 Codice degli stessi
contratti pubblici.

In un momento in cui stanno emergendo irregolarità nelle procedure di gestione finanziaria per la realizzazione di grandi opere nel nostro territorio, cresce nell’opinione pubblica l’esigenza di un maggior controllo, di un ascolto attivo verso i cittadini che chiedono alle istituzioni di rendere conto su come sono utilizzati i finanziamenti pubblici e, soprattutto, chiedono una condivisione sociale delle finalità prefissate dalle scelte che trasformeranno definitivamente il nostro territorio.

Comitato by-pass di Campalto

[14/10/2013]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...