1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Buffon è fuori, out causa caviglia, unica sconfitta di una serata vincente

HomeCalcioBuffon è fuori, out causa caviglia, unica sconfitta di una serata vincente
la notizia dopo la pubblicità

Buffon è fuori, out causa caviglia

Il nostro portierone l’ha capito subito che era una cosa seria. L’allenamento è quasi finito, si stanno tirando le punizioni: la palla schizza contro la barriera di legno, cambia traiettoria, le caviglie di Gigi provano a fare lo stesso con un movimento brusco. Troppo brusco. Crac. Un urlo.

Buffon è fuori, out causa caviglia, lo si capisce subito. Tutti i compagni gli si fanno attorno spaventati.
Buffon viene portato fuori a braccia, lui non riesce proprio neanche ad appoggiare il piede sinistro per terra. Il professor Castellacci, medico della nazionale, lo visita. Prime cure.

Ore 20 locali, il ortierone locale è atteso in sala stampa a fianco di Prandelli, quando al suo posto appare Antonio Candreva, si capisce che è accaduto qualcosa di serio.
L’allenamento era a porte chiuse, ma i giornalisti capiscono subito: «Perché Buffon è uscito dal campo prima della fine?». Prandelli si stizzisce: «E voi come fate a saperlo?». Poi la verità.

Buffon è fuori, out causa caviglia, si tratta di una distorsione molto, molto seria. Poi fortunatamente la partità andrà bene, ma le premesse non erano tali da poter far stare tranquilli, con Salvatore Sirigu convalescente e Mattia Perin distratto.

«Gigi ci tiene moltissimo, farà di tutto per esserci fino alla fine, la decisione ora spetta a lui» ha raccontato Prandelli.
Buffon però è andato a dormire zoppicando con una caviglia sinistra gonfia come un melone, e i fantasmi che gli giravano intorno dicendo che il Mondiale per lui fosse già finito.
Il giorno dopo animi un po’ più sereni e Buffon che twitta i complimenti al suo sostituto e una dichiarazione d’amore per la maglia azzurra.
Di sicuro Gigi non si arrende.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi