7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Bracconaggio: attuate vaste operazioni repressive della Polizia Provinciale

HomeCittà Metropolitana di VeneziaBracconaggio: attuate vaste operazioni repressive della Polizia Provinciale
la notizia dopo la pubblicità

caccia bracconaggio polizia provinciale

Vaste operazioni di controllo antibracconaggio e contro le attività illecite di uccellagione da parte degli agenti della polizia provinciale, coordinati dal comandante Alessio Bui e dal vicecomandante Antonio Lunardelli; in questo periodo è in atto la migrazione dei “tordi Bottacci”, una specie molto ricercata dai cacciatori.

Nei giorni scorsi durate un servizio serale una pattuglia ha perlustrato una vasta area a piedi (per non essere individuati) nelle campagne di Annone Veneto, individuando in modo chiaro il suono di un richiamo acustico, a funzionamento elettromagnetico, riproducente il verso del Tordo Bottaccio.

Gli agenti avvicinatisi al luogo individuato all’interno di un giardino, hanno notato un fascio di luce, prodotto da una torcia elettrica, e una persona che illuminava arbusti e cespugli dove era stata collocata una rete di dimensioni 35 metri di lunghezza e 3 di altezza. Poco lontano, sopra un cespuglio è stato rinvenuto un richiamo elettroacustico con relativo accumulatore di alimentazione e diffusore del suono magnetico. Tutto il materiale è stato sequestrato e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Una seconda operazione svoltasi ieri una pattuglia della polizia provinciale durante il servizio di controllo del territorio e dell’attività venatoria in località Portogruaro, ha notato al centro di un campo di stoppie di mais un appostamento da caccia all’allodola con richiami vivi in uso. Dopo un’attenta verifica con l’aiuto di un cannocchiale, è stato individuato un cacciatore che, dopo aver sparato più volte, usciva dall’appostamento andando a raccogliere qualcosa a terra per poi chinarsi sul campo in punti precisi. Insospettiti da quanto visto, gli operatori decidevano di procedere al controllo.

Presentatisi con le modalità di rito procedevano al controllo dei documenti e delle armi, appurando che un cittadino residente in provincia di Vicenza, aveva con sé un solo esemplare di allodola regolarmente abbattuto e segnato sul tesserino venatorio regionale, il che non coincideva con il numero dei colpi visti sparare. Procedevano pertanto ad una ricognizione del campo nelle vicinanze dell’appostamento, nella direzione dove si era visto più volte il soggetto chinarsi e vicino ad una stoppia di mais venivano trovati occultati otto esemplari di Pispola (Anthus pratensis) che è specie non cacciabile in Italia.

Sotto ad un’altra zolla non distante venivano ritrovati 12 bossoli calibro 12 semi sotterrati con l’evidente finalità di nasconderli. Una volta scoperto, spontaneamente consegnava un telecomando occultato all’interno dei pantaloni. Dopo una serie di accertamenti gli operatori sono riusciti a sequestrare il materiale usato, consistente in un fucile calibro 12 marca Franchi, otto esemplari di pispola abbattuti; dodici bossoli calibro 12, un richiamo elettroacustico con alimentatore, altoparlante e telecomando, e uno sgabello con telaio in legno e gamba in metallo.

Il bracconiere è stato denunciato per aver abbattuto 8 esemplari di Pispola (Anthus pratensis), e per avere esercitato la caccia con l’aiuto di un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico con amplificatore del suono per attirare gli uccelli al fine di abbatterli. Il materiali sequestrato è stato messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Pordenone.

L’assessore alla polizia provinciale Giuseppe Canali ha così commentato il buon esito delle operazioni: «Grazie al capillare controllo del territorio e al contrasto del bracconaggio le nostre pattuglie sono riuscite nel giro di pochi giorni a catturare persone che non rispettano le regole dell’attività venatoria. Sono dunque fondamentali l’impegno e la determinazione dei nostri agenti nel tutelare il territorio a servizio della sicurezza della comunità».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")