29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Bolletta ‘pazza’ del gas, chiudono i contatori: anziana dorme negli uffici Adico

HomeMestre e terrafermaBolletta 'pazza' del gas, chiudono i contatori: anziana dorme negli uffici Adico

contatori gas bollette pazze mestre

Bollette “pazze” colpisce ancora. Questa volta il grave caso, rivelato dall’associazione consumatori Adico, di un’anziana costretta a vivere al freddo perché l’Eni le ha chiuso improvvisamente il gas. Eppure lei è da anni che sollecita Eni in tutti i modi chiedendo di poter pagare ciò che le compete.

Esasperata e disperata, Rosanna Busetto, 72 anni, si è rifiutata di passare un’altra notte nella sua abitazione a Favaro Veneto in via Essiccatorio, e ha deciso di stabilirsi, con tanto di valigia, negli uffici dell’Adico, in via Volturno a Mestre, fino quando l’Eni non si deciderà a ripristinare la sua utenza e a sistemare adeguatamente l’intera faccenda.

Tutto è cominciato nel 2011 quando la signora si è vista arrivare in casa tre bollette “pazze” intestate a un contatore diverso dal suo, e quindi ad un’altra utenza, sconosciuta, nella stessa via. La signora Busetto ha immediatamente fatto notare il problema all’Eni, anche perché nel frattempo non le erano più arrivate bollette a lei correttamente intestate.

Non ricevendo riscontro, preoccupata, la famiglia Busetto ha nel frattempo messo in moto lo staff legale dell’Adico, Associazione Difesa Consumatori, che dal 2011 a oggi ha fatto tutto il possibile per mettere la parola fine alla vicenda: raccomandate di sollecito, diffide per richiedere l’invio delle fatture corrette e contestare il debito relativo allo scambio di utenze, lettere al Garante per l’Energia elettrica e il gas.

Tutte azioni che però purtroppo non hanno ancora sortito l’effetto desiderato, nonostante Eni abbia infatti già ammesso lo sbaglio non è però stato avviato alcun intervento risolutorio. Salvo poi, qualche giorno fa, quello chiudere il gas per l’utenza domestica della signora Busetto.

“Ancora una volta siamo di fronte a una vicenda al limite del paradossale – commenta il presidente dell’Adico, Carlo Garofolini – Tra l’altro stiamo parlando di un’interruzione di un pubblico servizio, ancora più grave dal momento che si tratta di una signora di una certa età appena rimasta vedova e che si ritrova sola, e con la casa inagibile. L’augurio è che l’iter avviato dai nostri esperti possa arrivare presto a buon fine, e che la signora Busetto possa ottenere un equo risarcimento dei disagi subiti. Ricordo sempre ai cittadini – conclude Garofolini – che in casi come questo possono rivolgersi alla nostra associazione”.

Redazione

[15/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Che storia incredibile, e pensare che la signora aveva più volte chiesto ad eni di poter ricevere le bollette e pagare. L’unica a pagare è invece lei, per la disorganizzazione di un’azienda.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.