8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Bling Ring: la gioventù bruciata di Sofia Coppola

HomeCinema: news e recensioni di Sara PrianBling Ring: la gioventù bruciata di Sofia Coppola
la notizia dopo la pubblicità

bling ring recensione

Dopo aver vinto Venezia 67 nel 2010 con il delicato “Somewhere”, torna Sofia Coppola con “Bling Ring”, una pellicola patinata che si avvicina di più a “Maria Antonietta”, distaccandosi leggermente dal resto della sua produzione, puntando molto di più sul ritmo, le musiche e il glamour al fine però, questa volta, di critica sociale di una generazione che sembra aver perso tutti i valori importanti della vita.

Sei giovani ragazzi benestanti di Los Angeles, capeggiati da Rebecca (Katie Chang), decide per puro sfizio personale di intrufolarsi e derubare le case delle celebrità di Hollywood come Paris Hilton e Lindsay Lohan. Nel giro di un anno il gruppo diviene famoso tra gli amici, portandosi a casa un bottino superiore ai 3 milioni di dollari.

Tratto da una storia vera, “Bling Ring” è il triste manifesto della generazione dei 20enni americana e non solo. Abituati ad avere tutto, finiscono per non dare valore più a nulla, cercando di avere sempre di più e sentirsi vivi attraverso il rischio, le discoteche, l’alcol e la droga.
L’amicizia non è più il valore da conservare, ma diventa un mezzo per raggiungere i propri scopi, per dimostrarsi più “cool” nelle foto su Facebook da postare un secondo dopo averla scattata.

La gioventù bruciata del 21esimo secolo è quella che, dopo il bellissimo b-movie “Spring Breakers” di Harmony Korine, Sofia Coppola decide di mostrarci ancora una volta; una generazione dove i social network determinano il tuo status, una generazione delle apparenze, quella in cui se non ostenti il glamour non sei nessuno.

“Bling Ring” è un film scandito dal ritmo psichedelico ed incessante della musica dance-house, dalla forte luminosità della vita di giorno a cui si contrappongo le inquadrature buie della notte che rappresentano l’altra faccia della medaglia della vita di questi ragazzi. Quando il sole cala sulle Hollywood hills, si trasformano, lasciando a casa, nell’immaginario dei genitori, la maschera di bravi ragazzi e facendo emergere il loro lato oscuro fatto di feste, furti, droga e alcol. Sono i bimbi sperduti di Peter Pan quelli della Coppola, sono ragazzi cresciuti a pane e gossip che hanno bisogno di sentirsi parte di un mondo che vive solo di notizie scandalistiche e che non sa più quali siano i valori per cui lottare.

L’intelligenza della regista sta nell’immergersi completamente in questo mondo, registrando una triste realtà riportandola sullo schermo, con tutte le contraddizioni e le assurdità del caso.
“Bling Ring” si trasforma così in una (triste) favola contemporanea, con la sua morale, dove Sofia Coppola decide di indossare i panni di una moderna Esopo, dimostrando ai giovani le conseguenze dei loro gesti.

Sara Prian

[01/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".