20.6 C
Venezia
venerdì 06 Agosto 2021

Berlusconi a Palazzo Fiano presenta Forza Italia per l’Europa, applausi e vecchio smalto

HomeNotizie NazionaliBerlusconi a Palazzo Fiano presenta Forza Italia per l'Europa, applausi e vecchio smalto

berlusconi consiglio nazionale pdl

Ritorna Berlusconi ed ha quasi lo smalto delle sue giornate migliori. Presentazione della nuova Forza Italia che corre per le europee, e tutti hanno occhi che brillano e sguardi di speranza, applausi, qualcuno grida: «Silvio sei un ciclone!».

Silvio Berlusconi inizia un po’ con la voce rotta dall’emozione, ma poi ritorna padrone della platea, torna fuori il suo carisma e riscuote simpatia e fiducia.

Si alza la giornalista di «Agorà» (Rai3). E gli chiede se l’intento della magistratura che l’ha condannato in via definitiva, impedendogli di candidarsi, fosse pure quello di avvantaggiare la sinistra.
Lui, prontissimo. Con una smorfia larga delle sue e poi facendo boccuccia e mimando, con la mano, l’atto di cucirsela. Quindi, con un soffio di voce: «Si ricordi cosa accadde durante Mani Pulite…».
Ovazione.

Iva Zanicchi lo osanna, Luciano Ciocchetti (ex Dc, ex Udc, molti voti nel Lazio) molla una pacca d’euforia a Clemente Mastella.

Anche Renato Brunetta annuisce e sembra dire sì, dai, va bene, possiamo rilassarci. Giovanni Galli, l’ex portiere del Milan, candidato nell’Italia centrale: «Lo guardi, il presidente: è un combattente formidabile. Questo non molla e non mollerà».

A Palazzo Fiano, la nuova sede del partito con i soffitti affrescati accanto a Silvio ci sono i cinque capolista: a parte Elisabetta Gardini, che guida la lista Nordest, gli altri uomini — Toti, Micciché, Tajani e Fitto — tutti con un contegno molto, molto seri.

Berlusconi parla sempre più sciolto e anche se non attacca il premier, piazza qualche bordata: «Quattro colpi di stato in quattro anni» e lancia il nuovo slogan: «Più Italia in Europa, meno Europa in Italia».

La battuta più bella della giornata?
Il Cav deve cominciare a scontare la sua pena attraverso il volontariato, e per non peggiorarne il regime dovrà astenersi da attacchi a quelli che continua a considerare i suoi torturatori. «La mattina vado davanti allo specchio e mi alleno dicendo “i magistrati sono belli, bravi e buoni”…»

Redazione

[18/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.