martedì 25 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

BAMBINO PORTATO VIA DA SCUOLA | Tribunale Minori: era peggio abbandonare il bambino al suo destino

HomeNORDBAMBINO PORTATO VIA DA SCUOLA | Tribunale Minori: era peggio abbandonare il bambino al suo destino

VENEZIA | “Si cerca in tutti i modi di evitare l'allontanamento, che è l'estrema ratio, quando tutti gli strumenti sono stati utilizzati e non si è riusciti a far ragionare genitori per i quali i bimbi sono armi da usare contro l'altro genitore”. E' quanto avrebbe dichiarato all'ANSA la presidente del Tribunale dei minori di Venezia Adalgisa Fraccon. Il Tribunale dei minori di Venezia è l'organo che ha seguito in primo gradoil procedimento, che poi si è approdato in Corte d'appello.
Il video che tanto ha fatto discutere l'Italia mostra un bambino portato via di peso da scuola dagli agenti e dal padre che devono condurlo in una casa-famiglia. Un video che ha innescato reazioni di rabbia e delusione nell'opinione pubblica e diversi dibattiti etico-morali su quanto accaduto e su quanto lo stesso video fosse da mostrare per una questione di privacy e tutela dei minori.

Per chi non l'avesse visto ricordiamo che nel video si vede il bambino portato via “di peso” da alcuni agenti delle forze dell'ordine e dal padre che lo tengono sollevato per le braccia e per le gambe mentre questo si agita e grida per non essere portato via. Presente anche la zia del piccolo che riprende la scena e grida più volte di lasciar andare il nipote. Inoltre, alla fine del filmato, quando il bambino viene portato via dalla volante, la zia arrabbiata e disperata chiede informazioni all'ispettrice presente sulla decisione del tribunale e nel video si sente l'ispettrice di Polizia rispondere che non può fornire informazioni in merito e dice alla zia del piccolo “Lei non è nessuno”.
“Come Tribunale dei minori di Venezia – afferma la presidente Fraccon – siamo tutti molto addolorati da questa vicenda, stupiti che le cose siano andate in maniera così maldestra e con queste modalità  di violenza nei confronti del bambino, in generale sia i servizi sociali che le forze dell'ordine sanno come comportarsi e siamo soddisfatti di come operano, non è mai successo prima”. “E' sfuggita di mano l'esecuzione del provvedimento – prosegue – tante volte lo si fa con l'assistenza della forza pubblica, ma non si può coinvolgere il bambino in una sollevazione di popolo, dove viene ancora una volta strumentalizzato dagli adulti”. Insomma, “non si è riusciti a contenere la reazione del bambino, che era comprensibile, in presenza di una strumentalizzazione da parte della famiglia in funzione del conflitto della coppia genitoriale: la vicenda è complessa, singolare, non è una normale vicenda di conflitto familiare”.

La presidente spiega che “la maggior parte dei genitori, anche conflittuali, dopo un po' si rende conto della sofferenza dei figli, qui non è accaduto: l'esecuzione non doveva essere ostacolata”. “I provvedimenti della giustizia si criticano, ma si devono eseguire – fa presente – è stato un pessimo esempio per il bambino che doveva invece essere calmato, rasserenato: 'vai che c'é il papà , poi ne discutiamò, non strattonato da più parti”. Il procedimento di primo grado si era concluso “con indicazioni finalizzate a lasciare il minore al suo ambiente naturale e garantire l'accesso all'altro genitore: tutti dimenticano che è un diritto fondamentale dei bambini ricevere cure, affetto, attenzioni da entrambi i genitori, anche quando c'é la separazione, un diritto fondamentale contemplato dalle legge n.54 del 2006 sull'affido condiviso, che se non attuato pregiudica una crescita armoniosa”.

La vicenda era giunta alla Corte d'appello di Venezia per impugnazione ed era proseguita con una nuova perizia, già  svolta in primo grado. Rileva Fraccon: “il caso è stato molto approfondito: si arriva all'allontanamento quando sarebbe peggio abbandonare il minore al suo destino, in balia di una situazione di pregiudizio”. Per quanto riguarda la Pas, la sindrome da alientazione parentale oggetto, secondo la magistrata “é inutile disquisire in linea teorica, se c'é o no: indipendentemente dalle linee di pensiero qui c'é il diritto del bambino ad avere relazione con l'altro genitore”. In ogni caso, “il provvedimento è temporaneo, un periodo di decantazione non finalizzato a estromettere la madre dalla relazione con il figlio, ma a riequilibrare la situazione: speriamo che la vicenda serva a tutti per riflettere”.

In questi giorni sulla vicenda sono intervenuti anche i presidenti di Camera e Senato, il capo della polizia, il ministro degli Interni, il garante della privacy, il garante per l'infanzia e l'adolescenza, ma le conseguenze non sarebbero solo di rimprovero etico, in quanto ricordiamo che il Capo della Polizia Manganelli dopo la trasmissione del video aveva immediatamente disposto un'inchiesta interna sulla vicenda.
Tutti i filmati integrali sono stati acquisiti dagli organi di Polizia e trasmessi all'Autorità  Giudiziaria per competenza.

Giorgia Pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[14/10/2012]


titolo: BAMBINO PORTATO VIA DA SCUOLA | Tribunale Minori: era peggio abbandonare il bambino al suo destino
foto: SCENA DAL VIDEO CHI L'HA VISTO (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Venezia e la crisi del turismo: una guerra a colpi di ribassi

Venezia, la crisi del turismo, ovvero: hotel a “tre stelle” per 23 euro. Chi pensava che il turismo a Venezia avesse già toccato il fondo sarà costretto a ricredersi. La drastica diminuzione degli arrivi unita alla saturazione del mercato ricettivo hanno...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....