19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Bambino nato morto a Brindisi, persi minuti preziosi a causa degli ascensori che non funzionavano?

HomeCronacaBambino nato morto a Brindisi, persi minuti preziosi a causa degli ascensori che non funzionavano?

ospedale perrino brindisi

Il tragico evento accade nella tarda serata del 7 gennaio al «Perrino» di Brindisi. Si tratta di un presidio dove, da quanto saputo, da settimane gli impianti degli ascensori hanno problemi di funzionamento creando disagi tra pazienti e personale. Un fatto così grave, però, non era mai successo.

Una donna incinta di 34 anni è arrivata in ospedale, presentava dolori lancinanti tanto che i medici hanno deciso di anticipare il parto cesareo programmato per il giorno successivo. La donna, secondo l’esposto presentato alla Procura, è stata trasportata in barella prima al nono piano poi al quinto dove si trova il blocco operatorio, ma il trasferimento è avvenuto attraverso un percorso esterno all’ospedale che ha allungato inevitabilmente i tempi e che, secondo i familiari, potrebbe aver compromesso le condizioni di salute del bimbo che stava per nascere.

Da stabilire attraverso l’indagine se qualche ritardo può aver influito sullo stato della donna e del feto, perchè, alla fine, il bambino è nato morto.

Il neonato è nato morto, e su questo la Procura ha aperto un’inchiesta e disposto il sequestro delle cartelle cliniche dopo la denuncia presentata dal marito della donna.

La Asl esclude qualsiasi tipo di correlazione tra la rottura degli ascensori e la gestazione. Sarà ora l’autopsia disposta dalla Procura a chiarire i dubbi e accertare eventuali responsabilità.

Nei giorni scorsi il direttore della Asl di Brindisi, Paola Ciannamea, aveva denunciato l’anomalo funzionamento degli ascensori parlando di oscuri «sabotaggi».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.