domenica 23 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

BAMBINI MALTRATTATI IN ASILO | Processo finito, i dubbi no

HomeNotizie NazionaliBAMBINI MALTRATTATI IN ASILO | Processo finito, i dubbi no

TORINO | Si è chiuso a tempo di record il processo alle maestre dell’asilo nido privato di Pinerolo “Nel paese delle meraviglie”.

Il giudice Luca Del Colle ha condannato a 10 mesi Elisa G. e Stefania D.M., e a 12 mesi Francesca P. . Le tre maestre sono invece state assolte dal reato di abbandono.
Il processo si è così chiuso in due anni, tanti ne sono passati da quando i carabinieri (mandati dal procuratore Giuseppe Amato e dal suo vice Ciro Santoriello) hanno chiuso l’asilo che aveva fatto scalpore a livello nazionale. Il processo si è svolto in 25 udienze che hanno coinvolto 100 testimoni.

Il pm Ciro Santoriello aveva chiesto 18 mesi e le parti civili, genitori e Comune di Pinerolo, avevano chiesto 30 mila euro. Ma per questi risarcimenti morali il giudice ha stabilito che dovrà  esserci una causa civile.

Gli avvenimenti risalgono a novembre 2010, quando scoppiò lo scandalo che fu seguito mediaticamente in tutta Italia, a seguito della denuncia di 14 famiglie che soprannominarono la struttura “l’asilo degli orrori”.

Quando poi l’asilo riaprì, dopo un periodo di sequestro, con la nuova gestione, 18 bambini rientrarono accompagnati da genitori increduli di quanto era successo e fiduciosi che si trattasse soltanto di una grande montatura.

Invece dall’inchiesta sarebbero emersi episodi di maltrattamento, tra quelli citati quello di un un bimbo che era stato infilato in un cassettone perché era disobbediente, come altri messi a dormire in bagno per essere stati irrequieti. Le maestre però, hanno sempre respinto ogni addebito.

“Un primo passo verso la verità  è stato fatto” avrebbe detto Stefania P. che oggi è stata solo in parte assolta dal processo che la vedeva imputata. “Oggi – osserva – è caduta l’accusa di abbandono e ora faremo appello anche per il secondo capo d’imputazione: maltrattamenti”.

“L’accusa aveva un video girato da due ex dipendenti nel quale si vedevano due bambini messi a dormire sotto il lavello del bagno e in mansarda, ma quel video non è stato accolto come prova valida dal giudice – avrebbe aggiunto Elisa G. – era stato realizzato un pomeriggio nel quale nell’asilo c’erano solo le due dipendenti, che si sono licenziate poco dopo, e non noi “.

L’ultima maestra, Stefania D.M., avrebbe aggiunto: “Purtroppo anche se saremo riconosciute innocenti in appello, noi abbiamo dovuto chiudere il nostro asilo e ora siamo tre disoccupate”.

Monica Manin
[[email protected]]
Riproduzione Vietata
[17/11/2012]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Legittimi i dubbi. Infatti il 30 ott 2014 la Corte d’Appello ha assolto le tre maestre perche` il fatto non susssiste. Era tutta una montatura menzognera messa in piedi per abietti motivi!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...