8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Balotelli perde i capelli e la forza. Milan perde 3-2

HomeCalcioBalotelli perde i capelli e la forza. Milan perde 3-2
la notizia dopo la pubblicità

allegri perde milan

Il Milan è a meno 16. Non è la temperatura del pianeta rossonero (anche se potrebbe essere in questi giorni) ma sono i punti che gli mancano alla quota scudetto. Se invece i suoi piani sono già ridimensionati alla quota Champions, be’ allora i punti sono – 11.

Ma quello che lascia più perplessi è che il Milan sprofonda nel giorno in cui avrebbe dovuto rilanciare la sfida e riprendere l’inseguimento. L’ambiente è euforico per la bella prova contro il Barcellona, ma in un attimo, è tutto cancellato.

Balotelli perde i capelli e smarrisce la forza come Sansone, e dopo 53 minuti inconcludenti allo stato puro viene sostituito. È proprio Mario l’immagine della resa di questo Milan. Dietro l’immagine c’è tutto: Berlusconi arrabbiato, Galliani furioso, Allegri preoccupato per il suo futuro appeso ad un filo.

Il Milan si presenta con un 4-3-3 in cui Birsa e Robinho dovevano aiutare Balotelli, al rientro dopo quattro partite. Invece l’attaccante è come se fosse assente per la quinta volta consecutiva. Mario è svagato, gira per il campo senza fissa dimora, prova il numero di cercare un rigore rimediando invece un cartellino giallo e viene sostituito. È la prima volta che succede da quando è arrivato a Milano.

Dall’altra parte c’è invece uno che sa giocare a calcio davvero: pur sovrappeso Cassano ispira il Parma tanto che nel primo tempo lascia impietrito il Milan e vola sul 2-0. Biabiany è un incubo milanista sulla fascia con Amauri e Gargano incontenibili.

Arriva una reazione milanista quando escono Balotelli e Poli, in favore di Matri e Kakà. Il Parma ora fatica a contenere la furia rossonera in cerca di pareggio chiudendosi per difendere il 2-0, ma è una tattica che non paga, infatti il Milan pareggia segnando due gol nello spazio di due minuti. Una serie incredibile di sviste sottoporta di Kakà, poi Montolivo che non inquadra mai la porta, impediscono al Milan di andare a vincerla. Capita così che va a perderla.

Allegri cade al 49’ sulla punizione di Parolo da una trentina di metri. Una rete contestata dai milanisti perché il centrocampista avrebbe, al momento decisivo, guadagnato due o tre metri. In realtà il vero problema è che davanti a Gabriel, peraltro incerto, si apre la mini barriera composta solo da Birsa e Matri.

Donadoni festeggia così il sorpasso e Allegri vede nuovi fantasmi.

Roberto Dal Maschio

[28/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...