Balotelli ancora innamorato di Raffaella Fico? Non è per questo che piangeva

ultimo aggiornamento: 11/02/2014 ore 15:30

98

nuova cresta balotelli

Mario Balotelli è la grande incognita del Milan. Tutto l’entusiasmo che esprimeva al momento del suo arrivo a Milano sembra essere smarrito. SuperMario è spento in campo, e proprio contro il Napoli, dove già all’andata si era distinto in negativo con il rigore sbagliato e la sceneggiata all’arbitro, addirittura scoppia in lacrime in panchina.
A Napoli, proprio dove vivono la figlia Pia e la sua ex che l’ha reso padre: Raffaella Fico. E’ casuale?

Balotelli ancora innamorato di Raffaella Fico, dicono le indiscrezioni dell’ultima ora, ma sono molto probabilmente ulteriori speculazioni mediatiche sul gossip del campione. Ma allora Balotelli perchè piangeva? La risposta è molto più semplice ed ‘umana’.


Per Mario è stata una settimana emotivamente complicata da gestire: gioia, rabbia, delusione, tensioni, aspettative, frustrazione. Hai voglia di dire ho fatto le cose giuste, riconoscere di avere una figlia (e di essere un padre) qualcosa dentro ti smuove se non sei di pietra.

Ci sono poi le componenti calcistiche. L’arrivo di Seedorf ha dato più tranquillità a SuperMario, perchè il nuovo tecnico ha investito moltissimo sul dialogo, e all’attaccante serve essere ben consigliato. Ovvio che su di lui cresca la delusione quando sente di essere motivo di grandi aspettative e si renda conto di non averle ripagate. Non riuscire ad aiutare la propria squadra, quando lo si vuole e quando tutti se lo aspettano da te fa stare male.

E poi i dubbi, gli interrogativi della gente: quando è entrato Pazzini il Milan è stato più pericoloso, allora Mario vale di meno in questa squadra? Boban è stato addirittura impietoso a Sky: «Per me è sbagliato costruire la squadra attorno a Balotelli, perche’ è un grande giocatore ma non un fuoriclasse». Un campione è costruito anche sull’autostima, non dimentichiamolo.


Balotelli perchè piangeva, insomma? Perchè ci sono dei momenti nella vita di ognuno che sembra che tutto ti stia per crollare addosso. E anche se ti togli la maglietta e mostri i muscoli coreograficamente, e anche se in testa ti fai una cresta da guerriero Mahori: a 23 anni ci sono dei momenti che i problemi ti sembrano troppo grossi per superarli.
Ma non è così. Mario ce la farai, ce la facciamo tutti, alla fine.

Paolo Pradolin

[11/02/2014]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here