18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Aveva rubato un vaporetto 4 giorni fa. Subito in libertà: ieri rissa a Sant’Antonio a Padova. Di nuovo libero

HomeNotizie VenetoAveva rubato un vaporetto 4 giorni fa. Subito in libertà: ieri rissa a Sant’Antonio a Padova. Di nuovo libero

ruba vaporetto a venezia e sperona

L’uomo sta diventando famoso, ma i motivi di questa notorietà non sono per niente nobili.
Sabato scorso, verso le tre di notte, aveva sciolto gli ormeggi di vari battelli posteggiati all’Arsenale (Venezia), mandandone un paio alla deriva, per rubare un vaporetto. Obiettivo: tornare a Lido visto che secondo lui a quell’ora il tragitto non era ben servito.

Inseguimenti, speronamenti, abbordaggi, danni, nella vicenda, nonostante tutto ciò il cittadino kosovaro Tosca Imer, dell’ 86, dopo un paio di giorni era di nuovo libero cittadino per via della nuova legge cosiddetta “svuotacarceri”, che prevede sì la prigione solo per reati la cui pena finale possa essere superiore ai 3 anni, ma che ha introdotto anche un’altra curiosa realtà: nel caso di persona senza fissa dimora – come il signore qui sopra – a cui vengono comandati gli arresti domiciliari – come il signore qui sopra – il condannato resta libero di andare a spasso.

Ed ecco che il nostro trova il modo di far parlare di nuovo si sé: rissa nel chiostro della basilica di Sant’Antonio a Padova, mercoledì scorso in pieno giorno. Pugni, botte, spinte urla tra quattro stranieri: due marocchini, un tunisino e il nostro kosovaro, tutti completamente ubriachi. Di nuovo, arriva la polizia delle volanti della Questura di Padova e in lui scatta l’istinto aggressivo con la resistenza all’arresto. “tanto… – avrà pensato – che vuoi che mi facciano?”.

Infatti il nostro eroe, dopo i procedimenti di ufficio in Questura, ieri è tornato libero, con l’obbligo di firma.

Roberto Dal Maschio

[08/08/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.