18.9 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Porta via tutto ad una signora di Mestre entrandole in casa, la polizia le da’ la caccia e lei si costituisce dopo 8 mesi

HomeMestre e terrafermaPorta via tutto ad una signora di Mestre entrandole in casa, la polizia le da' la caccia e lei si costituisce dopo 8 mesi

anziana derubata in casa

I fatti risalgono al mese di Maggio 2013, quando una signora di veneranda età (85 anni), veniva avvicinata a Mestre, mentre stava rincasando, da una donna che con artifizi e raggiri riusciva a conquistare la sua fiducia ed entrare nella sua abitazione.

In particolare la sconosciuta, elegantemente vestita e con eloquente dialettica, aveva dichiarato di aver da poco acquistato l’appartamento al quinto piano dello stabile in cui risiedeva la vittima, e di aver bisogno di un posto sicuro dove poter custodire i suoi gioielli, visto che l’appartamento acquistato era in fase di restauro.

In tal modo, la vittima le mostrava il suo proprio luogo sicuro dove custodiva i suoi gioielli e la truffatrice, col pretesto di scendere in strada, lasciandole momentaneamente la sua borsa per prelevare altri preziosi, si allontanava senza fare più ritorno.

Solo in seguito l’anziana signora aveva capito che era stata derubata di tutti i suoi preziosi e della somma di circa 8.000 Euro in contanti.

Nel corso degli accertamenti, anche grazie alla Polizia Scientifica di Venezia, la truffatrice è stata individuata. Si trattava di C.M., nata a Ferrara nel ’66, residente a Bologna in un campo nomadi, con precedenti penali e condanne per reati contro il patrimonio. Il suo ricco curriculum Crimis inizia negli anni 80 e sino ai giorni nostri è stata più volte arrestata per furto ed anche per rapina a Bologna, Belluno, Venezia, Ravenna ed altre località.

Sulla scorta degli inequivocabili elementi di reità raccolti, veniva così emesso un provvedimento restrittivo nei suoi confronti, tuttavia, le ricerche effettuate per la sua cattura sono state infruttuose perchè intanto si era resa irreperibile.

La donna ieri, però, avendo il fiato sul collo e sentendosi braccata dalla Forze dell’ordine, si è costituita presso il carcere di Bologna.

Redazione

[16/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.