20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Attenzione a correre in barca a Venezia, arrivano le multe con le telecamere

HomeNotizie Venezia e MestreAttenzione a correre in barca a Venezia, arrivano le multe con le telecamere

correre in barca a Venezia

A partire da lunedì 26 maggio “Argos”, il sistema di misurazione della velocità in sede remota (Automatic & Remote GrandCanal Observation System) avviato dal Comune di Venezia nel 2007 e finanziato successivamente dal Ministero dell’Interno con il progetto “Venezia sicura e protetta”, potrà servire anche ai fini sanzionatori, avendo ottenuto la conferma necessaria da parte del Garante per la Privacy. Questo decreterà verosimilmente la fine dell’ebbrezza della velocità in acqua in quanto diventerà pericoloso per il portafoglio correre in barca a Venezia.

L’iter per giungere a questo risultato è stato lungo: il comandante della Polizia Municipale, Luciano Marini, ha ricordato come si sia partiti con una quindicina di telecamere, per arrivare ad installarne complessivamente 40, non solo lungo il Canal Grande, ma anche in Bacino San Marco e a San Zaccaria, nonché nei rii Novo, di Ca’ Foscari, di Noale, di Santa Giustina, dei Greci e di Cannaregio. “Inoltre – ha continuato il comandante – si è dovuto procedere ad un riordino del profilo normativo, con una modifica del regolamento interno di videosorveglianza. Per poter usare Argos anche ai fini sanzionatori è stato poi necessario apporre un’opportuna segnaletica e dovrà infine essere sottoscritta a breve, probabilmente entro la settimana prossima, un’intesa formale con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri per l’utilizzo reciproco degli strumenti operativi.”

Con il completamento del posizionamento di poco più di 70 cartelli – che hanno ottenuto l’avvallo della Soprintendenza – entrerà dunque in vigore un tipo di videosorveglianza mista: Argos servirà infatti sia per il controllo della velocità, che per la certificazione della violazione. “La legge – ha spiegato infatti Marini, sottolineando la differenza dall’autovelox – prevede che la contestazione di un’infrazione venga fatta direttamente da un operatore, che potrà operare in loco o da remoto”.

Redazione

[19/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.