18.9 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Assalto all’ufficio postale di Marano, l’esplosione del Postamat fa scappare i ladri senza il bottino

HomeCittà Metropolitana di VeneziaAssalto all’ufficio postale di Marano, l’esplosione del Postamat fa scappare i ladri senza il bottino

postamat esploso

Avevano messo troppo gas acetilene per far esplodere il Postamat dell’ufficio postale di Marano (Ve) e con lo scoppio e il conseguente incendio, i ladri sono stati costretti a fuggire senza il bottino, che è andato letteralmente in fumo.

È successo tutto alle 4 circa della mattina di sabato 3 maggio. Una banda di malviventi ha ben pensato di far esplodere il nuovo Postamat dell’ufficio di Marano, utilizzando il componente chimico dell’acetilene, senza pensare però alle conseguenze.

I tre ladri hanno utilizzato questo tecnica, ora in disuso perché gli sportelli bancari hanno dei sistemi di rilevamento del gas, e lo hanno piazzato a poca distanza dal Bancomat, per poi ripararsi dall’esplosione qualche metro più in là.

Risultato: l’esplosione, oltre a causare un boato che ha svegliato l’intera frazione del comune di Mira (Ve), ha provocato anche delle fiamme. I ladri allora, non hanno potuto far altro che scappare, non riuscendo nemmeno a recuperare i pochi soldi contenuti all’interno del Postamat.

Secondo delle testimonianze, i furfanti sono scappati a bordo di un’Audi grigia, mentre i residenti allarmati hanno chiamato i Vigili del Fuoco e i Carabinieri di Mira.

L’ufficio postale intanto, rimarrà chiuso perché completamente inagibile. La direzione delle Poste, assicura che ci vorranno settimane o mesi per rimetterlo in sesto; durante l’esplosione infatti, sono stati distrutti anche vetrate, tavoli da lavoro e computer.

Nel frattempo, il personale dell’ufficio verrà messo in ferie forzate o trasferito verso gli altri uffici della Riviera, mentre i clienti dovranno usufruire dell’ufficio di Borbiago.

Redazione

[05/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.