venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

ARSENALE SCIPPATO | Irruzione dei ragazzi 'Morion' e 'Rivolta' al Magistrato alle Acque

HomeVenezia cittàARSENALE SCIPPATO | Irruzione dei ragazzi 'Morion' e 'Rivolta' al Magistrato alle Acque

VENEZIA – Una cinquantina di persone hanno occupato la sede del Magistrato alle Acque di Venezia. E' accaduto ieri, poco dopo le 13, quando 50 attivisti dei centri sociali “Laboratorio occupato Morion” e “Rivolta” sono entrati nella sede del Magistrato alle Acque ed hanno esposto dai balconi, che si affacciano su Rialto, uno striscione con la scritta nera “Giù le mani dall'Arsenale, giù le mani dalla città “.Un chiaro monito che ha accompagnato la manifestazione, durata circa un'ora, per protestare “contro lo scandaloso blitz del governo e del Consorzio Venezia Nuova che hanno strappato l'Arsenale alla città ” come ha riferito il portavoce dei centri sociale Tommaso Cacciari. “Bene che sindaco e giunta si dicano indignati – avrebbe sottolineato Cacciari – ma non basta: noi ci batteremo per tutti i 60 giorni che restano per l'approvazione definitiva del decreto e perchè successivamente l'Arsenale divenga patrimonio di tutti”.

La più grave conseguenza del passo indietro del Governo sul trasferimento delle competenze sull'Arsenale di Venezia al Comune sarebbe l'impossibilità  del recupero della parte monumentale del complesso. E' la denuncia fatta dal sindaco, Giorgio Orsoni. “L'operazione di agosto – spiega – era fatta a salvaguardia di un bene di rilevanza mondiale. La norma che ci sottrae le aree più redditizie dell'Arsenale, al contrario, butta per aria il piano industriale della società  incaricata di realizzare l'intervento e questo rende impossibile il recupero. A fronte delle giuste esigenze di organizzazione del cantiere del Mose, credo dunque che si possa
convenire siano più importanti le esigenze di recupero del bene. E, al riguardo, sono convinto che queste esigenze possano essere messe insieme, senza nessun problema, ai sensi della legislazione vigente, con il trasferimento della proprietà  dell'area al Comune e il rinnovo della concessione ai soggetti che operano in Arsenale”. Al contrario, per Orsoni “qualche legale dello Stato la pensa in modo diverso e ci troviamo di conseguenza a combattere sempre con i cavilli”.

La questione dell'Arsenale, per il sindaco di Venezia, è solo “a margine” di un problema più ampio, che coinvolge l'intero tema della città . “Stanno accadendo cose – ha esordito – che francamente lasciano perplessi tanti veneziani, in particolare noi della Giunta, che abbiamo le responsabilità  maggiori sul governo della città “. Il riferimento di Orsoni è rivolto al tema dei finanziamenti, riguardo cui il sindaco ha ricordato che “a luglio 2011 il Comitatone ha
assegnato alla città  più di cinquanta milioni, il 15 per cento del finanziamento di 630 milioni per il Mose, dei quali non abbiamo saputo più nulla. Gli stanziamenti delle due somme erano collegati, tant'é che il mio voto favorevole alla delibera era condizionato ai soldi per la città  e, di conseguenza, se adesso arriva solo il finanziamento per il Mose, questo è in sostanza illegittimo”. Non che il primo cittadino sia contrario alle barriere mobili, sia ben chiaro (“Non ho nulla contro la realizzazione di un'opera di grande importanza per la città  e che quindi deve essere completata”). Ma Orsoni specifica che “nel progetto generale del Mose erano previste non solo opere di compensazione, 600 milioni dei quali non abbiamo visto nulla, ma anche il collegamento con i finanziamenti per la legge speciale. Perché avere una città  difesa in maniera straordinaria dalle acque alte che però va a fondo perché rive e campanili crollano non serve assolutamente a nessuno, salvo a chi ha fatto un'opera di ingegneria straordinaria, perché dietro ad essa c'é il vuoto”.

Soldi, dunque, quelli su cui Orsoni sta insistendo in maniera particolare col Governo. “C'é stata – spiega – tutta una serie di promesse, fin da luglio, quando il viceministro Ciaccia mi disse che, entro settembre, questi soldi sarebbero non solo stati assegnati, ma anche pagati. Non avendo visto nulla al primo di ottobre, ho chiamato il viceministro e mi ha ribadito che era questione di giorni, ma sono ancora qui in attesa. Il tema dei 50 milioni, per noi, è essenziale, perché, non
avendoli in cassa, non solo andremo fuori dal patto di stabilità , ma forse metteremo a rischio anche l'equilibrio di bilancio e il problema che ci è imposto dallo Stato si riverserà  sui cittadini. Per cui deve essere chiaro, come ho detto anche in Giunta, che faremo di tutto per portare all'interesse mondiale l'assoluta disattenzione del Governo nei confronti di una città  come Venezia che, nei confronti della comunità  nazionale, è in forte credito per quel che è e per quel che fa”.

MOnica Manin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[13/10/2012]


titolo: ARSENALE SCIPPATO | Irruzione dei ragazzi 'Morion' e 'Rivolta' al Magistrato alle Acque
foto: ARSENALE DI VENEZIA (REPERTORIO))


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia e la crisi del turismo: una guerra a colpi di ribassi

Venezia, la crisi del turismo, ovvero: hotel a “tre stelle” per 23 euro. Chi pensava che il turismo a Venezia avesse già toccato il fondo sarà costretto a ricredersi. La drastica diminuzione degli arrivi unita alla saturazione del mercato ricettivo hanno...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...