6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Arrestato rapinatore tabaccheria, aveva fatto cadere la pistola (giocattolo) rompendola, il complice fuori l’aveva aggiustata

HomeNotizie Venezia e MestreArrestato rapinatore tabaccheria, aveva fatto cadere la pistola (giocattolo) rompendola, il complice fuori l'aveva aggiustata
la notizia dopo la pubblicità

polizia motoscafo venezia

Aveva tentato una rapina in una tabaccheria del sestiere Dorsoduro, a Venezia, l’11 febbraio scorso, ma era andata male per l’imprevista reazione della cassiera.
Ci aveva riprovato nel tardo pomeriggio del 14 febbraio in un discount di Cannaregio ma, vistosi scoperto, aveva minacciato i dipendenti dandosi alla fuga con una bottiglia di liquore: stesso copione il giorno dopo, al medesimo supermercato, e stessa fuga con un’altra bottiglia di liquore.

Gli investigatori del Commissariato di P.S. “San Marco” non ci hanno messo molto a risalire all’autore dei maldestri tentativi di rapina: si trattava di un 51enne veneziano, molto noto alle forze dell’ordine, già depositario della misura preventiva di “Sorvegliato Speciale di Pubblica Sicurezza” per una lunga serie di episodi criminosi commessi in passato.

Gli indizi raccolti dagli agenti, tutti convergenti sul noto personaggio veneziano, hanno consentito di chiedere all’Autorità Giudiziaria la misura della custodia cautelare in carcere.

Singolari le vicende che hanno connotato le vicende dell’indagine, dato che nel corso della tentata rapina in tabaccheria, al rapinatore era caduta la pistola, che nell’occorso si era anche lesionata (era infatti una pistola giocattolo), ma prontamente “rimessa in sesto”dal complice rimasto all’esterno; inoltre, immaginando di essere da subito sospettato di essere il protagonista della vicenda, si era tagliato la barba e si era presentato presso gli uffici del Commissariato per presentare una denuncia tentando così di farsi vedere “ufficialmente” senza i connotati con cui aveva poco prima consumato la tentata rapina.

Infine, nel corso delle due rapine al supermercato, l’uomo (giunto insieme ad un complice), entrato già verosimilmente ubriaco e quindi tenuto d’occhio dal personale, si lasciva andare a minacce, frasi colorite e imprecazioni di vario genere in stretto dialetto veneziano, rendendo quindi molto circoscritto l’ambito delle indagini.

Nella giornata di ieri su decreto dell’A.G. veneziana, i poliziotti di Fondamenta San Lorenzo lo hanno rintracciato in centro storico e lo hanno accompagnato presso il carcere veneziano di Santa Maria Maggiore.

Redazione

[09/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...