20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Aree (Citta’) Metropolitane: sono di nuovo le Province!

HomeLettereAree (Citta') Metropolitane: sono di nuovo le Province!

venezia e provincia

Abolire le Province per farle rinascere come Aree (Citta’) Metropolitane. E’, in sostanza, questa la proposta del Governo per la istituzione delle Aree Metropolitane.

Cosa chiedono i cittadini dalle Aree Metropolitane e dalla abolizione delle Province? Un governo del territorio efficiente ed efficace. Cosa prevede la proposta governativa? Citta’ Metropolitane che di fatto sono Province con poteri indeboliti.

Il nuovo ente, infatti, secondo la proposta di legge, e’ sostanzialmente governato dai Sindaci dell’Area, con funzioni analoghe a quelle delle Province: pianificazione territoriale di puro coordinamento, infrastrutture interne e servizi di mobilita’, ambiente, rete scolastica.

Sembra che i nostri governanti abbiano adottato il principio del padre della Chimica, Antoine-Laurent Lavoisier: nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma; si ma in peggio.

Preoccupa poi le”attenzioni verso il veneto orientale” , le quali saranno limitate visto il forte interesse di Venezia ed il porto, guardando verso Treviso e Padova, penalizzando l’area del Veneto orientale, per questo auspico che la conferenza dei sindaci intervenga quanto prima, per rispondere al meglio le problematiche del territorio sia sotto il profilo attività produttive e dei cittadini per non essere fagocitati all’interno del “dimenticatoio” politico delle aree metropolitane

Bragatto Gianluca

30020 caorle(ve)

[28/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.