20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Alfano a Venezia: «Roma deve creare un’agenda sulla questione veneta»

HomeNotizie Venezia e MestreAlfano a Venezia: «Roma deve creare un'agenda sulla questione veneta»

Alfano a Venezia

«Il punto fondamentale che voglio sottolineare con forza è che esiste una questione veneta e che questa sarà messa al centro dell’attività del governo per quanto riguarda il rapporto con le Regioni».

Esiste una ‘questione veneta’, il ministro dell’Interno Angelino Alfano a Venezia parla dell’argomento a margine dell’incontro con i prefetti, rispondendo a distanza al governatore Luca Zaia che lo aveva messo in guardia poco prima: «La voglia di indipendenza dei veneti non si risolve con un’aspirina e chi sventola la bandiera di San Marco non è uno sprovveduto che non ha niente di meglio da fare. Il sentimento indipendentista – ha avvertito Zaia – è diffusissimo e interessa tutte le classi sociali. Se Roma continuerà a dormire, è inevitabile che il Veneto si organizzi di conseguenza».

Alfano risponde: «Questo territorio, che ha dato tanto all’Italia, mostra un forte disagio e lo Stato non può permettersi di rispondere con disattenzione. Roma non può essere percepita come ostile, va creata “un’agenda veneta”».

«Dirò di più: siccome è sacrosanto che i veneti chiedano un’adeguata corrispondenza tra le tasse che pagano e i servizi che ottengono, penso sia giusto da un lato migliorare i servizi e ridurre la burocrazia, dall’altro fare del Veneto la base di sperimentazione per un federalismo spinto e accentuato e credo che la riforma del Titolo V in discussione al Senato sia la sede opportuna per rispondere ai moti indipendentisti ed ai loro eccessi» ha detto al termine della sua visita Alfano a Venezia.

Il ministro ha anche promesso che si occuperà della questione sollevata dalla presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto, che ha evidenziato i pericoli dell’empasse che da giugno a dicembre accompagnerà il passaggio dalla Provincia alla città metropolitana: «Dal 26 giugno partirà l’esercizio provvisorio, che è cosa ben diversa dall’ordinaria amministrazione: di fatto si pagano gli stipendi e si onorano i contratti, nulla di più. C’è quindi il rischio concreto che si paralizzino opere e servizi, dalla viabilità all’edilizia scolastica, un vero e proprio vuoto istituzionale» aveva avvertito Zaccariotto.

Redazione

[29/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.