Ailati. Riflessi dal futuro

207

Titolo tutto al contrario, quello che svetta imperante all’ingresso del padiglione italiano all’Arsenale di Venezia.

Organizzato dal Ministero per i Beni e le Attività  Culturali con il PaBAAC ed a firma dell’arch. Luca Molinari, “Ailati. Riflessi Dal Futuro ” è il tema prescelto quest’anno, in risposta ad una crisi che coinvolge il Paese e la sua Architettura; riflesso dell’ “Italia” allo specchio, per un modo alternativo di leggere l’architettura contemporanea, attraverso i differenti e complessi fenomeni che l’attraversano; per “catturare i riflessi” della realtà ; per guardare al recente passato, presente e futuro dell’architettura, attraverso un sistema espositivo elaborato dagli studi Salottobuono e Francesco Librizzi. “Ailati.” per ritrovare la capacità  di produrre grandi visioni, inedite soluzioni progettuali, sperimentazioni senza più paura del futuro e dei fenomeni che stanno mettendo in crisi anche il settore architettonico.

Milleottocento metri quadri sull’incantato scenario del Giardino delle Vergini, con l’obiettivo di guardare alla realtà  attuale, provando a leggere criticamente la condizione in cui siamo immersi, dettando anche un’agenda di temi, problemi e potenzialità  che la nostra architettura dovrebbe affrontare.

Tre le grandi aree tematiche che si dividono la scena all’interno del Padiglione:

Amnesia nel presente. 1990-2010. Storia e critica dell’ultimo ventennio; perché non c’è futuro se non si comprende bene il passato ed il presente;

Laboratorio Italia. I progetti più rappresentativi in termini di qualità . Una buona architettura di ricerca, con l’aggiunta di un commento audio definito “Voci dal presente”: un racconto orale che presenta dati e cifre dell’attuale condizione del nostro Paese e i suoi problemi.

Dieci le aree tematiche prescelte: Spazi per comunità , Work in progress, Innesti, Progettare solidale, Abitare sotto i 1000 € al mq, Cosa fare dei beni sequestrati alle mafie, Emergenza paesaggio, Nuovi spazi pubblici, Ripensare città , Archetipo/prototipo.

Italia 2050. Quattordici architetti chiamati a sperimentare nel nostro Paese per gli anni che verranno; sperimentazioni all’interno di un quadro di temi e fenomeni generali, cui l’architettura deve dare risposte; dialogo con Wired, periodico italiano dedicato alle idee e tecnologie che fanno la differenza.

All’interno della sezione uno spazio conferenze e workshop, luogo di riunione che, per tutta la durata della Manifestazione, trasforma il Padiglione Italia nella “Casa dell’Architettura italiana”, di cui sicuramente si è già  ampiamente e più volte parlato.

Testo di Luisa Doriana Lombardo

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here