Aggredisce la madre con un cacciavite per simulare un furto

ultimo aggiornamento: 06/10/2013 ore 16:23

123

carabinieri Eraclea ferisce madre

Ha prima tentato di svaligiare la casa e poi si è avventato sulla propria madre con un cacciavite, ferendola gravemente.

Una furia omicida quella che ha colpito ieri un 35enne residente a Ponte Crepaldo (Eraclea) che, dopo essersi alzato alle 3 di notte, ha deciso di punto in bianco di ribaltare da cima a fondo la casa nella quale vive con la madre. L’uomo ha simulato la scena di un furto, come quello accaduto proprio in quella casa lo scorso anno, si è poi chiuso in bagno dando testate al muro per provocarsi delle ferite simili a quelle di una rapina andata a male.

A causa del rumore l’anziana madre di 75anni si è svegliata per controllare cosa stesse accadendo e si è ritrovata a pochi passi dal figlio armato di cacciavite.

In pochi secondi le si è fiondato contro colpendola ripetutamente alla testa e sul corpo. Le gran confusione ha svegliato i vicini, ma è stato proprio lo stesso 35enne a chiamare i soccorsi.

La donna è ora ricoverata all’ospedale di San Donà con una prognosi di 40 giorni, ma ce la farà, mentre il figlio dopo ore di interrogatorio ha confessato di essere stato lui ad aver aggredito la madre. E’ scattato, quindi, immediatamente l’arresto con l’accusa di tentato omicidio.

Sara Prian

[05/10/2013]

Riproduzione vietata

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here