5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Adriano, ex imperatore del calcio, licenziato: troppa discoteca

HomeGossip e Showbiz: divi e diveAdriano, ex imperatore del calcio, licenziato: troppa discoteca
la notizia dopo la pubblicità

adriano cacciato atletico paramense

Adriano, grandissimo campione, grandissimo talento brasiliano del calcio. Potenza unita a tecnica. Un potenziale infinito ottenuto per dono divino che ha fatto pensare – sbagliando clamorosamente – che non servisse accompagnarlo nel lato atletico, che non servisse allenarsi, curare il fisico. E così ben presto il talento si è abbandonato alle feste.

Adriano, l’«Imperatore», come veniva chiamato dai tifosi che lo amavano, non poteva andare d’accordo con Adriano Leite Ribeiro, cioè il personaggio nella vita reale. Così l’ex campione di Inter, Fiorentina (poco), Parma (pochino), Roma (pochissimo) e altro, ha continuato la sua strada in salita.

Recentemente era riuscito a tornare sui campi di calcio, era riuscito a segnare il 9 aprile scorso. Ma poi ancora feste (e birra), così dopo due allenamenti saltati e un’alba fatta in discoteca, ma soprattutto subito dopo l’eliminazione della sua squadra dalla coppa Libertadores, gli hanno dato un calcio dove non batte il sole. E pensare che l’ultimo tentativo di risalire la china stava promettendo bene.

Adriano, 32 anni, conclusa la deludente avventura romana, nel marzo del 2012 aveva salutato anche il Corinthians per passare al Flamengo, dove non ha mai giocato. Ha allora cocciutamente cercato il rilancio nell’Atletico Paranaense, la squadra di Curitiba, nello stato di Paraná, conosciuta come Furacão. Il club che è stato campione brasiliano nel 2001 e vice-campione della Coppa Libertadores 2005. Abbandonati gli stipendi milionari Adriano, pur di ritrovare il pallone, a dicembre aveva firmato un contratto da 32 mila euro al mese più alloggio e si è rimesso a sudare. E a dieta.

L’Atletico Paranaense ieri ha emesso un comunicato: «Adriano Leite Ribeiro non fa più parte dei quadri societari». E poi: «Buona fortuna ad Adriano per i suoi progetti futuri».

Redazione

Riprodzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.