20.1 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Adria: dei 4 operai morti per un acido due volevano salvare il primo

HomeCronacaAdria: dei 4 operai morti per un acido due volevano salvare il primo

Adria: dei 4 operai morti per un acido due volevano salvare il primo

Una reazione chimica mortale. Uno degli operai aveva appena scaricato l’acido nella vasca dei liquami e subito una piccola nube tossica si è alzata investendolo.
Nel tentativo di salvarlo, due dipendenti della ditta sono entrati a loro volta in quella terribile nuvola di ammoniaca e anidride solforosa, ma così hanno trovato la morte anche loro.
Giuseppe, 48enne di Piove di Sacco (Padova), il primo operaio deceduto in pochi attimi, Nicolò Bellato e Marco Berti, rodigini di 28 e 47 anni, sono morti nel tentativo di salvarlo.
Dopo qualche ora una tragica scoperta: a circa 100 metri dalla vasca, un altro operaio senza vita.
Paolo Valesella, 53 anni deve esser stato raggiunto dalle esalazioni e non è riuscito a fuggire.
Massimo Grotto, invece, si trovava a bordo di una ruspa ma è stato salvato in tempo: ora si trova in rianimazione dell’ospedale di Adria.
Sembra un bollettino di guerra l’incidente avvenuto ieri a qualche chilometro da Adria: quattro operai morti e uno in rianimazione.
L’incidente è avvenuto ai capannoni della Coimpo, ditta che lavora da trent’anni con i rifiuti speciali, dotata di certificazione di qualità ambientale.
Si è trattato di un errore umano?
Ora ci si interroga sulla disgrazia e su quanto è possibile fare per prevenirle. E’ il momento delle domande, che non significa necessariamente delle risposte.

Mario Nascimbeni

23/09/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.